EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Siccità: progetto risparmia acqua, acque reflue per irrigare

Al depuratore Hera di Cesena, risultati incoraggianti
Al depuratore Hera di Cesena, risultati incoraggianti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 07 LUG - 54 piante di pomodoro e 66 piante di pesco irrigate con le acque reflue depurate. Si tratta del progetto sperimentale durato quasi due anni, 'Value Ce In' (Valorizzazione di acque reflue e fanghi in ottica di economia circolare e simbiosi industriale"), coordinato da Enea, con la partecipazione del Centro Interdipartimentale di Ricerca Industriale "Fonti Rinnovabili, Ambiente, Mare ed Energia" dell'Università di Bologna, volto al recupero delle acque scaricate dal depuratore Hera di Cesena, poi destinate all'irrigazione di peschi e pomodori. Nell'ambito del progetto, è stato messo a punto un sistema innovativo prototipale per il riuso delle acque depurate, installato nel depuratore della città romagnola. Grazie all'utilizzo di queste acque che contengono già alcune sostanze nutritive necessarie per la crescita delle piante, inoltre, si può ottenere un risparmio, ad esempio nel caso della coltivazione dei peschi, del 32% di azoto e dell'8% di fosforo. È stata riscontrata la totale assenza di contaminazioni di escherichia coli a livello sia di germogli sia di frutti. Secondo le stime elaborate, l'utilizzo di acque reflue depurate per irrigare i campi potrebbe soddisfare fino al 70% del fabbisogno idrico irriguo della Regione Emilia-Romagna, riducendo di circa il 30% anche i costi per i concimi. Il progetto sperimentale ha contato su un budget totale di oltre un milione e 100mila euro, di cui quasi 800mila euro finanziati dalla Regione Emilia-Romagna e cofinanziato dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione. "E' un esempio di economia circolare - sottolinea Susanna Zucchelli, direttore Acqua di Hera - con la prospettiva di generare un positivo impatto ambientale, sociale ed economico per il territorio cesenate". Ma si può andare oltre. "Questa filiera tecnologica si può applicare a tutti gli impianti di depurazione per garantire una fonte idrica non convenzionale, sicura, conveniente", aggiunge il coordinatore del progetto Luigi Petta. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv

Stati Uniti: Donald Trump contestato alla convention del Partito Libertario

Presidenziali in Lituania: cittadini al voto per la sfida tra Nausėda e Šimonytė