This content is not available in your region

Nazista centenario condannato a 5 anni per complicità in crimini di guerra

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Condannata guardia carceraria nazista
Condannata guardia carceraria nazista   -   Diritti d'autore  Michele Tantussi/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

101 anni e 5 anni da scontare per complicità in crimini di guerra durante l'Olocausto

L'uomo, in sedia a rotelle, identificato dai media locali come Josef S., ha accolto la sentenza del tribunale regionale di Neuruppin con il volto coperto per evitare i flash dei fotografi e degli operatori di ripresa. 

I giudici hanno accertato che il centenario ha prestato servizio come guardia carceraria nel campo di concentramento nazista di Sachsenhausen durante la Seconda Guerra Mondiale, ha riferito l'agenzia di stampa tedesca dpa.. 

Oltre 3.500 i capi d'accusa per complicità in omicidio. 

Josef S. ha sempre negato di aver lavorato come guardia delle SS: nel processo, che si è aperto a ottobre, l'uomo ha dichiarato di essere un bracciante agricolo. Ma secondo gli inquirenti è certo che abbia lavorato tra il 1942 e il 1945 come membro arruolato nell'ala paramilitare del Partito nazista.

Crimini di guerra: davanti ai giudici a distanza di decenni

"La corte è giunta alla conclusione che, contrariamente a quanto da lei sostenuto, lei ha lavorato nel campo di concentramento come guardia per circa tre anni", ha dichiarato il giudice Udo Lechtermann, aggiungendo che - così facendo - l'imputato ha contribuito alla macchina del terrore dei nazisti.

"Lei ha volontariamente sostenuto questo sterminio di massa con la sua attività", ha detto Lechtermann.

Per motivi organizzativi, il processo si è tenuto in una palestra di Brandenburg/Havel, luogo di residenza del 101enne. L'uomo è stato presente in Aula solo in misura limitata e ha potuto partecipare alle udienze solo per circa due ore e mezza al giorno.

Il processo è stato interrotto più volte per motivi di salute e ricoveri in ospedale.

Efraim Zuroff, il capo dei cacciatori di nazisti presso l'ufficio del Centro Simon Wiesenthal di Gerusalemme, ha dichiarato all'Associated Press che la sentenza "manda un messaggio: se si commettono crimini del genere, anche a distanza di decenni, si può essere portati davanti alla giustizia".

Il condannato è la persona più anziana finora processata per complicità in crimini di guerra. L'imputato può appellarsi alla sentenza del tribunale.

Il campo di Sachsenhausen

Sachsenhausen venne aperto nel 1936 a nord di Berlino come primo nuovo lager dopo che Adolf Hitler diede alle SS il pieno controllo del sistema dei campi di concentramento nazisti. Doveva essere una struttura modello e un campo di addestramento per la labirintica rete che i nazisti istituirono in Germania, Austria e nei territori occupati.

Tra il 1936 e il 1945 vi furono rinchiuse più di 200.000 persone. Decine di migliaia di detenuti morirono per fame, malattie, lavoro forzato e altre cause, oltre che per esperimenti medici e per le sistematiche operazioni di sterminio delle SS, tra cui fucilazioni, impiccagioni e gassazioni.

I numeri esatti delle vittime variano, anche se gli studiosi suggeriscono che le cifre di 40.000-50.000 sono probabilmente più accurate.

Nei primi anni, la maggior parte dei detenuti erano prigionieri politici o criminali, ma comprendevano anche alcuni Testimoni di Geova e omosessuali. Il primo grande gruppo di prigionieri ebrei vi fu portato nel 1938 dopo la cosiddetta Notte dei vetri rotti, o Kristallnacht, un pogrom antisemita.

Durante la guerra, Sachsenhausen fu ampliato per includere prigionieri di guerra sovietici - che furono fucilati a migliaia.

Sachsenhausen fu liberata nell'aprile del 1945 dai sovietici.