La presidente dell'Europarlamento, Roberta Metsola, a Praga

Presidente Parlamento europeo Roberto Metsola
Presidente Parlamento europeo Roberto Metsola Diritti d'autore Michal Krumphanzl/CTK via AP
Diritti d'autore Michal Krumphanzl/CTK via AP
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al centro dei colloqui la guerra in Ucraina e l'importanza di restare uniti all'interno della Ue

PUBBLICITÀ

Un mazzo di fiori al suo arrivo a Praga. La Presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha incontrato il primo ministro ceco Petr Fiala in una visita non solo simbolica ma anche cruciale anche in vista della presidenza di turno dell'Unione in un momento cruciale per il destino dell'Ucraina e dell'Europa.

"È probabile che l'attuale situazione geopolitica, anche per quanto riguarda la sicurezza, avrà un impatto forte sull'operato della Presidenza. Questo includerà un continuo sostegno militare, finanziario, politico e umanitario, ha sottolineato la Metsola oltre a dare la priorità a diverse azioni più a lungo termine, come l’adesione dell'Ucraina all’Unione europea e la pianificazione della ricostruzione del paese.”

Un messaggio condiviso dal primo ministro Fiala che ha voluto sottolineare l’importanza di agire uniti di fronte alle numerose sfide, come l’aggressione russa. Importante ora è convocare un vertice dell'Unione europea in autunno dedicato alla autunnale dedicato alla ricostruzione dell'Ucraina, un summit al quale possa essere presente anche il presidente Zelensky di persona.

Da parte sua Roberta Metsola ha anticipato che presenterà il sostegno del Parlamento europeo per l’adesione di Kiev già nella prossima riunione del 23-24 giugno a Bruxelles.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europa più forte, temprata dalle crisi, ecco gli auguri della presidente Metsola

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea

Gli eurodeputati chiedono di sequestrare i beni russi congelati