Palermo: Cuffaro, ho sbagliato adesso mettetemi alla prova

Giudici amministrati Catania ripristinano sovvenzioni spettanti
Giudici amministrati Catania ripristinano sovvenzioni spettanti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 13 GIU - "Una montagna di astio si è accampata contro di me ed il mio cuore non ha avuto paura. È infuriata la battaglia contro di me e sono rimasto fiducioso. Sono sereno perché so di essere a posto con la mia coscienza e perché so di essermi impegnato per la democrazia, per le libertà e per dare un futuro alle cose che contano". Lo dichiara il commissario regionale della Dc Nuova, Totò Cuffaro, commentando le polemiche che hanno accompagnato il suo impegno in occasione delle elezioni amministrative di Palermo. "Palermo - aggiunge l'ex Governatore condannato per favoreggiamento alla mafia - è una città bellissima ma difficile e martoriata ma proprio per questo merita di essere amata e servita con un supplemento di coraggio di passione e di rigore morale. So di aver commesso degli errori e dei quali sono pentito e vorrei risarcire la società attivandomi per una buona politica". "A chi anche legittimamente diffida di me chiedo di mettermi alla prova e, se può, accantonare un pur giustificabile pregiudizio. Il risentimento - conclude Cuffaro - può essere cattivo consigliere e in politica può diventare anche fuorviante. Finita la competizione elettorale proviamo a rasserenare il clima politico, la nostra Palermo ha bisogno di tutte le persone di buona volontà per costruire un progetto di bene comune". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue