EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Francia: testa a testa tra macronisti e sinistra per il Parlamento

Macron
Macron Diritti d'autore Ludovic Marin, Pool via AP
Diritti d'autore Ludovic Marin, Pool via AP
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Scarse aspettative per la destra e l'estrema destra di Le Pen e Zemmour

PUBBLICITÀ

Forte crescita dell'astensionismo e testa a testa tra la coalizione del presidente Macron e quella della sinistra unita guidata da Melenchon, entrambe al 25,2% nelle prime proiezioni, con l'estrema destra del Rassemblement National a poco più del 17%, una ripresa della destra repubblicana intorno al 13% e poi le altre destre.  Si tratta del primo turno in un sistema maggioritario a doppio turno: la percentuale che esce ora dalle urne serve solo a definire i candidati che andranno al ballottaggio, le quote di seggi parlamentari saranno verosimilmente molto diverse.  Ma emerge subito un voto che non dà una maggioranza chiara alla coalizione del presidente e soprattutto un'astensione superiore al 52%, mai così alta. 

Sono oltre 6000 candidati in corsa per 577 seggi dell'Assemblea Nazionale.

Dopo la rielezione di Macron a maggio, la sua coalizione centrista è alla ricerca di una maggioranza che possa attuare il programma presidenziale, tra cui la riduzione della pressione fiscale e l'innalzamento dell'età pensionabile da 62 a 65 anni.

Principale forza di opposizione è la neonata sinistra della Nupes, la Nuova unione popolare ecologica e sociale, guidata da Jean Luc Melenchon, accreditata di un buon risultato soprattutto per il suo programma sociale, che punta a non far pagare la crisi ai ceti più deboli.

"Tutto è più caro. Ci parlano della guerra, di questo e di quello, ma i prezzi sono aumentati moltissimo, anche ieri sono andato a comprare la benzina, costava 2,17 euro...!, commenta un elettore. "Si dice che le elezioni politiche non abbiano importanza,ma non è vero. Sono importanti perché se il presidente non ha la maggioranza non può fare nulla", aggiunge un altro.

Aspettative ridotte per la destra e l'estrema destra, che pagano la divisione alle presidenziali tra Le Pen e Zemmour e risentono degli effetti indiretti del sistema elettorale maggioritario basato su collegi uninominali. Il voto di ballottaggio è previsto per domenica 19 giugno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: tumori identificati con l'AI, svolta nella ricerca

Francia, Macron propone un'ora nelle scuole per parlare di antisemitismo

Francia, Bardella: l'Ucraina deve difendersi ma non invieremo i soldati francesi a combattere