This content is not available in your region

Corruzione: Procura chiede l'immediato per consigliere sardo

Access to the comments Commenti
Di ANSA
E' ancora ai domiciliari
E' ancora ai domiciliari

(ANSA) – CAGLIARI, 11 GIU – La procura di Cagliari ha chiesto
il giudizio immediato nei confronti del consigliere regionale
del gruppo Misto Valerio De Giorgi, 57 anni, finito ai
domiciliari a fine marzo su ordine del gip Giorgio Altieri con
le accuse di corruzione, tentata truffa e voto di scambio a
conclusione di un’indagine del nucleo di polizia economico
finanziaria della Guardia di Finanza del capoluogo, coordinata
dal pm Giangiacomo Pilia. Ne danno conto i due quoditiani sardi. Stessa richiesta anche per gli due indagati: il collaboratore
di De Giorgi, Marco Pili, accusato di tentata truffa, e il
costruttore di Quartucciu, Corrado Deiana. Per il consigliere
regionale e l’imprenditore l’accusa è di corruzione per aver
concordato un emendamento sul Piano casa (De Giorgi all’epoca
era presidente della commissione Bilancio) in cambio di quattro
appartamenti ottenuti dal politico, mentre Pili è indagato per
presunte irregolarità sui contributi destinati alla Pro Loco di
Cagliari fondata da persone vicinissime a De Giorgi, se non
dagli stessi familiari. All’esponente del gruppo Misto è contestato anche il reato di
voto di scambio: secondo l’accusa avrebbe promesso posti di
lavoro e altri favori in cambio di una preferenza, chiedendo
come prova la foto scattata nella cabina elettorale. Se venisse
accolta la richiesta di giudizio immediato, i tre andranno
direttamente a processo senza passare per l’udienza preliminare.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.