This content is not available in your region

La proposta del presidente lituano per aggirare il blocco del porto di Odessa

Access to the comments Commenti
Di euronews con Sasha Vakulina
euronews_icons_loading
A sinistra il presidente lituano Gitanas Nauseda
A sinistra il presidente lituano Gitanas Nauseda   -   Diritti d'autore  AP/AP

I Paesi Baltici e la Polonia potrebbero offrire una via alternativa all'export del grano dell'Ucraina bloccato nel porto di Odessa sul Mar Nero.

A Davos il presidente lituano Gitanas Nauseda sostiene che il problema ha una duplice ripercussione  da un lato l'Ucraina non può esportare il suo grano in eccesso e dall'altro la mancanza del grano in Paesi come il Nordafrica può alimentare la spirale di una crisi alimentare globale. 

"Se non si riuscisse a sbloccare il porto di Odessa, ci sono altre alternative, altri canali per esportare il grano attraverso la Polonia e i porti dei Paesi baltici

 Sotto il profilo politico, il parlamento lituano ha votato all'unanimità una risoluzione secondo cui  l'invasione russa dell'Ucraina è un azione genocida.

"L'Ucraina sta combattendo non solo per la propria libertà, ma anche per la nostra; E noi capiamo questo meglio di chiunque altro in Europa, dal momento che siamo molto vicino a questo Paese, di cui lei consoce perfettamente il nome".

Vilnius ritira il proprio ambasciatore da Mosca il prossimo 1 giugno, in  base a un decreto presidenziale firmato lunedì; lo scorso 4 aprile il Paese baltico aveva espulso l'ambasciatore russo.