This content is not available in your region

Guerra in Ucraina. Zelensky: "Aiutateci o poi toccherà ai Paesi baltici"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky   -   Diritti d'autore  SERGEI SUPINSKY/AFP or licensors

Disperato appello a più imponenti aiuti militari da una parte, accuse di ipocrisia e strumentalizzazione dall'altra. Dalla guerra sul campo a quella delle parole, la resistenza ucraina all'invasione russa polarizza dibattito e interpretazioni anche alle Nazioni Unite.

La Russia: "Europa ipocrita. La pace dell'Ucraina non vi interessa. Siamo noi il vostro obiettivo"

"Pace e prosperità dell'Ucraina non vi interessano - l'accusa dell'ambasciatore russo all'ONU, Gennady Gatilov -. La vita dei cittadini ucraini non vi interessa. Voi non cercate di risolvere la situazione in Ucraina. Il regime fantoccio del signor Zelensky è per voi solo uno strumento di pressione sulla Russia".

La vita dei cittadini ucraini non vi interessa. Voi non cercate di risolvere la situazione in Ucraina. Il regime fantoccio del signor Zelensky è per voi solo uno strumento di pressione su di noi.
Gennady Gatilov
Ambasciatore russo all'ONU

SERGEY BOBOK/AFP or licensors
Le macerie lasciate dai bombardamenti degli scorsi giorni su KharkivSERGEY BOBOK/AFP or licensors

Zelensky: "No-fly zone sui nostri cieli o presto toccherà anche ai paesi baltici"

A fronte dell'escalation militare, il presidente Zelensky si interroga però sull'efficacia della strategia occidentale e lancia un nuovo accorato appello. "Le sanzioni non bastano - dice - bisogna fare di più". "Vi chiediamo ora di proteggere il nostro spazio aereo, istituendo una no-fly zone. Se non avete i mezzi per farlo, vi chiediamo allora di fornirci degli aerei per farlo da noi. Se noi cadiamo, le prossime saranno Lettonia, Lituania ed Estonia"

Proteggete il nostro spazio aereo o, se non avete i mezzi per farlo, forniteci degli aerei. Se noi cadiamo, poi toccherà a Lettonia, Lituania ed Estonia"
Volodymyr Zelensky
Presidente ucraino

La Casa Bianca: "La morsa delle sanzioni si stringe su Putin"

Frontiera invalicabile un invio di truppe, che per gli occidentali equivarrebbe a ufficializzare l'avvio di un conflitto mondiale, si potenzia intanto il ricorso all'arma di sanzioni, sempre più dirette contro oligarchi e cerchie vicine al Presidente russo. "Vogliamo che Putin senza la morsa stringersi intorno a lui, la sintesi della Casa Bianca.

A sentire la stretta è intanto la popolazione. Il gigante dell'arredamento IKEA, preso d'assalto nelle ultime ore, si aggiunge intanto alla lista dei grandi gruppi, che annunciano lo stop alle operazioni in Russia. Poco prima era stato il turno di Toyota e Volkswagen, leader mondiali di un settore dell'auto, il cui leader in Russia ha già fermato la produzione, per difficoltà nei rifornimenti.