This content is not available in your region

Band si ispira a Br, tolta da cartellone festival milanese

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Sul palco stelle a cinque punte e riferimenti all'omicidio Moro
Sul palco stelle a cinque punte e riferimenti all'omicidio Moro

(ANSA) – MILANO, 19 MAG – Avevano già suscitato scandalo, il
Primo Maggio al circolo Arci Tunnel di Reggio Emilia, portando
sul palco la stella a cinque punte delle Brigate Rosse, con
volti coperti da passamontagna e brani che parlano degli anni di
piombo: “Zitto zitto pagami il riscatto, zitto zitto sei su una
R4″, l’auto a bordo della quale fu trovato il cadavere di Aldo
Moro. I P38, come riportano alcuni quotidiani milanesi, stavano per
rifarlo, tra otto giorni a Segrate (Milano). Erano in
cartellone venerdì 27, nel corso della prima delle tre giornate
del Mi Ami, rassegna di musica indipendente e d’autore che in un
weekend mette assieme una cinquantina di cantanti. Sull’onda delle polemiche gli organizzatori, il sito rockit,
li ha tolti dalla programmazione. I P38 sono quattro persone di cui si conoscono solo i
soprannomi, Astore, Papà Dimitri, Yung Stalin e Jimmy Penthotal.
Le esibizioni del gruppo avevano causato non poche polemiche: la
figlia di Moro Maria Fida aveva sporto denuncia, così come Bruno
D’Alfonso, figlio di un carabiniere ucciso dalle Br. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.