Mario Calabresi, ho imparato a non coltivare la rabbia

'Estradizione Pietrostefani? Per noi non ha quasi più senso'
'Estradizione Pietrostefani? Per noi non ha quasi più senso'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 17 MAG - "Io non ho fatto il lavoro che ha fatto mia madre che è un percorso di perdono - ha concluso - ho fatto un percorso di pacificazione e ho imparato a non coltivare la rabbia". Così Mario Calabresi a margine della cerimonia in memoria del padre Luigi, ucciso a Milano 50 anni fa. Lo ha detto commentando l'udienza che si sarà domani a Parigi "per decidere se dare l'estradizione a Giorgio Pietrostefani, uno degli organizzatori dell'omicidio di mio padre. Ci siamo molto interrogati su questo. Oggi a noi che un uomo di 78 anni malato vada in carcere non restituisce più niente". È un fatto simbolico "ma per noi non ha quasi più senso". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: Nicolas Schmit a Berlino con Katarina Barley

Elezioni europee, tutto quello che c'è da sapere per andare alle urne informati

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"