This content is not available in your region

Ex zuccherificio Chieti demolito con esplosivo in un secondo

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Struttura Gruppo Toto in disuso era ex Eridania
Struttura Gruppo Toto in disuso era ex Eridania

(ANSA) – CHIETI, 08 MAG – L’ex zuccherificio di Chieti
Scalo, di proprietà del gruppo Toto, è stato demolito questa
mattina intorno alle 5.45 con microcarichiche di esplosivo dopo
che l’intera area in cui si trova, nella zona industriale del
capoluogo teatino, è stata isolata e presidiata dalle forze
dell’ordine. L’esplosione è stata avvertita in diverse zone della città e in alcuni territori limitrofi come Manoppello Scalo.
L’abbattimento controllato è stato innescato da una miccia
detonante costituita da pentrite, che ha attivato le 1100
microcariche posizionate sui 130 pilastri portanti, con una
velocità di detonazione di circa 8400 metri al secondo, pari a
circa 30.000 chilometri orari. In poco più di un secondo le
parti murarie ed in cemento armato dell’edificio sono
collassate, lasciando scopeto lo scheletro metallico della
struttura, mentre l’impatto delle polveri che si sono sollevate
è stato mitigato dall’uso di alcuni cannoni.
L’edificio abbattuto ha una superficie di circa 3.900 metri
quadrati, è lungo 104 metri, alto 25 ed ha un volume di 65.000
metri cubi.Nei giorni scorsi sono state eseguite ispezioni
approfondite e campionature che hanno escluso la presenza di
sostanze nocive, come l’amianto, e sono stati installati sette
sismografi per monitorare l’effetto sul vicino gasdotto Snam,
sugli edifici di via Piaggio e sulle altre strutture dello
stabilimento: nell’area dell’ex zuccherificio sono infatti
ubicati altri edifici, anche a pochi metri di distanza, che non
hanno subito alcun danno. Alla fase dell’abbattimento ha
assistito Alfonso Toto, direttore generale della Toto
Costruzioni: l’area dell’ex zuccherificio è di proprietà della
Alitec spa, società interamente controllata dal Gruppo Toto. Lo
zuccherificio di Chieti venne realizzato nell’immediato secondo
dopoguerra dal gruppo nazionale Eridania, che ha cessato
l’attività all’inizio degli anni Settanta. “La demolizione di
oggi – fa sapere la Toto Costruzioni Generali – apre il campo ad
ipotesi progettuali finalizzate alla riqualificazione dell’area,
per i quali il Gruppo Toto ha in corso le necessarie analisi di
fattibilità”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.