EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Primo maggio: manifesto d'autore dedicato alla pace per Cgil

Porcasi disegna 4 bambini in trincea, con lo sguardo impaurito
Porcasi disegna 4 bambini in trincea, con lo sguardo impaurito
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 28 APR - Quattro bambini in trincea, con lo sguardo sofferente e impaurito, nello sfondo di un cielo rosso sangue e con ai piedi un prato di ginestre in fiore. Il filo spinato dietro il quale si trovano i bambini è spezzato da una parte, indicando una via di fuga verso la libertà. E' l'immagine che l'artista Gaetano Porcasi, ha donato alla Cgil Palermo e alla Flai per realizzare un manifesto per il Primo Maggio, che quest'anno è dedicato al Lavoro e alla Pace. Un omaggio a Portella con il pensiero rivolto all'infanzia violata, negata, a tutti i bambini che in questo momento soffrono nel mondo per le atrocità della guerra. "Ringraziamo l'autore per la sua sensibilità e per aver contribuito con la sua opera di denuncia a richiamare l'attenzione sulle vittime più fragili delle guerre che sono i bambini - dichiara il segretario Cgil Palermo Mario Ridulfo - Abbiamo chiesto a Gaetano Porcasi, che tante volte ha ritratto con la sua passione artistica immagini legate a Portella, alle lotte dei lavoratori e ai personaggi della lotta contro la mafia, un manifesto dedicato all'anniversario di Portella della Ginestra. E apprezziamo molto che la sua opera, pensata per tutti i lavoratori e dal titolo Pace, diritti, lavoro, abbia messo al centro le condizioni di fragilità dei minori, i bambini sfruttati, i bambini uccisi in guerra che tutti quanti piangiamo e anche i bambini morti 75 anni fa nella strage di Portella". L'autore sarà a Portella domenica per la festa del Lavoro e firmerà i primi 100 manifesti, che saranno donati "come segno di speranza e di libertà". "Il mio pensiero è rivolto a tutti i bambini che non c'entrano nulla con le guerre e che stanno morendo sotto le bombe, non solo in Ucraina ma in tutti i posti del mondo dove sono in corso conflitti", dice Porcasi (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: nuovi aiuti dagli Stati Uniti, il G7 valuta di finanziare Kiev con i beni russi

Papua Nuova Guinea: frana provoca oltre cento morti

Guerra a Gaza: l'Italia stanzia 5 milioni di euro per l'Unrwa