This content is not available in your region

Prezzi alle stelle per l'olio di girasole, introvabile a causa della guerra

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Steve Parsons/AP

Per mesi, uno dei tanti ristoranti di Istanbul (Tarihi Balikca) ha cercato di assorbire l'aumento del prezzo dell'olio di girasole che usa per friggere: all'inizio di aprile, col costo dell'olio quasi quattro volte superiore a quello del 2019, il ristorante si è visto costretto ad aumentare i prezzi.

Ora, però, anche alcuni clienti di lunga data guardano il menù e si allontanano.

"Abbiamo resistito - afferma Mahsun Aktas, cameriere nel ristorante - abbiamo detto: 'Aspettiamo un po', forse il mercato migliorerà, forse i prezzi si stabilizzeranno', ma abbiamo visto che non c'è stato alcun miglioramento, quindi abbiamo aumentato i prezzi.

È così che siamo in grado di compensare i costi, per la prima volta quest'anno abbiamo visto i clienti tornare indietro dopo aver sentito il prezzo di un tradizionale nostro piatto: negli anni precedenti, vedevano l'aumento ma non dicevano nulla, quest'anno tornano indietro perché non possono permetterselo".

La guerra in Ucraina - che fornisce quasi la metà dell'olio di girasole del mondo, oltre al 25% della Russia - ha interrotto le spedizioni e mandato i prezzi dell'olio alle stelle.

from Euronews video
Screengrabfrom Euronews video

"La situazione dell'olio da cucina è commisurata alla situazione alimentare generale nel mondo - dice Steve Mathews, ricercatore presso un'azienda informatica (Gro Intelligence) - i prezzi sono aumentati molto nell'ultimo anno, nell'ordine del 40% in alcuni casi.

E nel caso dell'olio di girasole non si riesce nemmeno ad averlo, anche se lo si vuole a causa della guerra in Ucraina: è importante notare che le tendenze dei prezzi erano in atto prima dell'inizio della guerra, ma la guerra ha peggiorato molto le cose".

I prezzi globali dell'olio da cucina sono aumentati dall'inizio della pandemia per molteplici ragioni, dai cattivi raccolti in Sud America alla carenza di manodopera legata al virus e alla domanda in costante aumento dell'industria dei biocarburanti.