This content is not available in your region

Mosca: "più missili su Kiev dopo gli attacchi alle città russe". Le forze ucraine resistono

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini  Agenzie:  Agenzie internazionali
euronews_icons_loading
Bombe su Kiev
Bombe su Kiev   -   Diritti d'autore  Fotograma AFP LIVE

Su Kiev ancora il suono delle sirene. L’ennesimo allarme per i civili rimasti nella capitale ucraina presa nuovamente di mira dai bombardamenti. Missili russi sganciati su un quartiere periferico hanno colpito una fabbrica di armi, secondo quanto riferito dalle autorità di Mosca.

Dalle immagini diffuse si vedono un edificio residenziale e un grande magazzino gravemente danneggiati. Un raid sferrato come risposta agli attacchi degli elicotteri ucraini in località russe vicino al confine. A confermare la strategia Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo.

Kiev nega ogni azione ma il Cremlino minaccia di intensificare queste ritorsioni se dovesse accadere di nuovo e conferma l’uccisione di almeno 30 mercenari polacchi a Izjum, città tra Kharkiv e Kramatortsk. I soldati che combattevano a fianco dell’esercito ucraino sarebbero stati colpiti da un bombardamento russo che ha visto la morte anche di una decina di civili.

Raid, combattimenti e il mistero della "Moskva"

Proprio a Kramatortsk, città nell’Ucraina orientale, sarebbe stata avvertita una forte esplosione a una settimana dall’attacco missilistico alla stazione aveva provocato almeno 50 vittime. Secondo fonti citate dall’Associated Press, l’esplosione, sarebbe stata provocata da un razzo o da un missile prima che le sirene suonassero nell’area.

Gli scontri proseguono nelle zone delle regioni di Donetsk e Luhansk, dove secondo Oleksandr Shputun, portavoce dello Stato maggiore delle Forze armate ucraine, sono stati respinti otto attacchi nemici, distrutti quattro carri armati, e un sistema di artiglieria.

Intanto Mosca glissa sulla vicenda dell'incrociatore missilistico Moskva, la nave ammiraglia della flotta del Mar Nero affondata dopo un incendio o come dichiarato dal presidente Zelensky colpita da missili ucraini. Kiev ripete di averla centrata con due missili Neptune - che avrebbero fatto esplodere il comparto di munizioni causando il ribaltamento e l'affondamento della nave.

Il ministero della Difesa russo dopo aver negato tutto ora tace. Nella versione iniziale del Cremlino a provocare l’affondamento sarebbe stato un incendio, divampato a causa di un malfunzionamento. Per gli esperti si tratta comunque di perdita importante e un serio danno per il Cremlino.