EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Rifiuti: Campania; De Luca, multa Ue ridotta di un terzo

Su 120.000 euro al giorno siamo a meno 40.000 per nostro impegno
Su 120.000 euro al giorno siamo a meno 40.000 per nostro impegno
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 08 APR - "L'Italia subisce una sanzione europea di 120.000 euro al giorno che ora viene ridotta finalmente di un terzo". Lo ha annunciato Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania online, facendo riferimento a una multa Ue inflitta alla Campania sulla gestione di rifiuti. "Finalmente abbiamo avuto una riduzione - afferma De Luca - di un terzo della sanzione europea che arriva da una prima sentenza di condanna nel 2010 e poi che nel 2015, visto che la Regione non aveva fatto niente, c'è stata la sentenza della Corte di Giustizia europea sanzionando l'Italia per 120.000 euro al giorno". De Luca ha evidenziato che "grazie all'impegno della Regione con l'assessorato di ambiente e legislativo, risparmiamo i primi 40.000 euro per l'avvio dell'impianto di Caivano e per aver portato fuori dalla Campania un milione di tonnellate di ecoballe. A giugno puntiamo a ridurre di un altro terzo con l'avvio dell'impianto di Giugliano, prima di abolirla con nuovi impianti. E' frutto di impegno di Regione che in questi anni ha lavorato con tenacia ossessiva per risolvere emergenze storiche della Campania su rifiuti, acque, depurazione. Lasceremo a nostri figli una Regione all'avanguardia sulla tutela del territorio". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: von der Leyen apre a un accordo con Meloni

Carlo Acutis diventerà santo: è il primo millennial, considerato patrono di Internet

Iran, funerali Raisi: migliaia di persone per sepoltura a Mashhad, a Teheran vertice con le milizie