This content is not available in your region

L'aumento dei prezzi mette in ginocchio i francesi, il carrello della spesa piange

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
L'aumento dei prezzi mette in ginocchio i francesi, il carrello della spesa piange
Diritti d'autore  euronews

Il principale problema dei francesi in questo momento è quello di riempire i carrelli della spesa. Il potere d'acquisto è una preoccupazione che viene prima della guerra in Ucraina o del clima. Nella periferia di Lione, c'è una drogheria solidale permette ai più vulnerabili di acquistare prodotti più economici grazie alle donazioni dei privati, del banco alimentare e dei supermercati.

 Christine Vincent, la direttrice, spiega: 

"Possiamo ottenerli da fornitori che ci permettono di averli al 30% in meno".

I clienti beneficiari della drogheria, selezionati in base alle loro risorse, sono per lo più persone anziane o madri single, come Aurélie, madre di tre figli.

"Ho un figlio di 8 mesi e pago 2 euro per gli alimenti per bambini invece di 4 euro. Così dimezzo la spesa". 

Le testimonianze

Avelino ha 66 anni. Tra i gilet gialli, questo pensionato è conosciuto come "Il Che". Per difendere il potere d'acquisto, ha aderito al movimento di protesta iniziato nell'autunno 2018.

"Oggi siamo diventati poveri, . Prendo 1200 euro al mese, e ne pago 600  per vivere in una casa di 58 metri quadrati.  Sono 5 o 6 anni che non accendo il riscaldamento; avrei voluto far scoppiare la merda io, avrei voluto che tutto cambiasse. "

Ma il potere d'acquisto dei francesi è davvero diminuito? È quello che abbiamo chiesto all'economista Philippe Dessertine.

"Da un punto di vista statistico, siamo ottimisti sull'aumento di potere d'acquisto degli ultimi 5 anni. Tranne che per diverse settimane, diversi mesi, in una situazione straordinaria, completamente diversa dalla tendenza che conosciamo da qualche anno , vale a dire una ripresa molto forte dell'inflazione, completamente percepibile dalle famiglie",

I prezzi dell'energia sono aumentati di quasi il 19% in un anno. Anche qui, le sanzioni contro la Russia, uno dei principali fornitori di gas e petrolio in Europa, peseranno sui portafogli dei francesi.

"Di solito pago 80 euro, ma ora ne pago 140" spiega un' automobilista.

L'aumento del prezzo della benzina sta avendo un impatto particolare su questa società di trasporti

Il direttore dei trasporti Michaud, presidente della federazione dei trasporti stradali dell'Auvergne Rhône alpes non nasconde la sua preoccupazione: 

"Siamo estremamente preoccupati per il futuro della professione. Alcuni trasportatori non potranno sopravvivere.... . Oggi paghiamo più di 2 euro al litro per il diesel, per un consumo di 31 litri per 100, fate i calcoli."

Il governo francese intanto ha introdotto una serie di aiuti nelle ultime settimane, tra cui una riduzione di 18 centesimi per litro di carburante, e un voucher energetico di 100 euro distribuito a quasi 6 milioni di famiglie. Resta da vedere se questo influenzerà il voto francese.