EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Johansson: "L'Unione Europea si prepara a ricevere rifugiati dall'Ucraina"

Image
Image Diritti d'autore Wikicommons
Diritti d'autore Wikicommons
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ulteriore problema all'invasione russa è il probabile arrivo di migliaia di rifugiati dall'Ucraina

PUBBLICITÀ

L'Unione Europea si sta preparando ad accettare i rifugiati dall'Ucraina, poiché crescono i timori che la Russia possa essere più vicina a un'invasione militare. Anche la Polonia, un paese frontaliere, si dice disposta ad accettarli.

Il commissario per gli affari interni dell'UE, Ylva Johannsson, era a Varsavia per vedere come il governo può intervenire se necessario: "L'attenzione si è concentrata sulla pianificazione di emergenza per la situazione molto pericolosa in Ucraina. Non sappiamo quale sarà il prossimo passo di Putin, ma dobbiamo essere preparati se ci sarà un massiccio afflusso di rifugiati ucraini nell'Unione Europea. E la Polonia è, ovviamente, un paese chiave".

Johansson ha evitato di fornire cifre, ma ha affermato che l'Europa e gli Stati membri sono pronti a mostrare solidarietà. Nel frattempo migliaia di rifugiati, compresi bambini, stanno ancora cercando sostegno in Polonia dopo che la Bielorussia ha voluto  utilizzare persone vulnerabili attirandole al confine polacco con la speranza che potessero entrare nell'UE.

I Commissari condannano l'atteggiamento di Minsk, ma vogliono anche che Varsavia cambi la sua politica di accoglienza. Continua la Johannson:  "Ora è davvero giunto il momento di lasciare questa politica di zona e di avere una chiara trasparenza, accesso per i giornalisti, accesso per le ONG e accesso per le organizzazioni internazionali. Sono stata molto chiara sul fatto che l'accesso alle procedure di asilo è un diritto fondamentale a cui non si può derogare”.

Le autorità polacche li hanno lasciati a temperature sotto lo zero e hanno rifiutato l'accesso alle ONG e ad altri aiuti. Coloro che non sono tornati a casa sono nei centri di detenzione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Anche in Bulgaria cresce il numero dei rifugiati ucraini

Ucraina: il parlamento approva lo stato d'emergenza nazionale

Ucraina: attacchi a infrastrutture energetiche, Usa impongono un raggio di azione per colpire Mosca