Covid:asilo Cortina senza mensa,pranzi bimbi da chef dei vip

Brigata del ristorante sostituisce addetti dell'asilo ammalati
Brigata del ristorante sostituisce addetti dell'asilo ammalati
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO, 18 GEN - I 70 bambini dell'asilo di Cortina rischiavano di non poter tornare in aula perchè il Covid aveva messo a letto tutte le addette alla mensa: a risolvere la situazione ci ha pensato lo chef dei vip della località ampezzana, Gigi Dariz, titolare del ristorante Da Aurelio di Passo Giau. Da giovedì scorso anzichè servire la clientela abituale - dai Benetton ai Marzotto passando per i Barilla, Dariz e la sua brigata di cucina si sono trasferiti nella mensa dell'asilo e ogni giorno sfornano delizie per i piccoli della Scuola dell'Infanzia parrocchiale Pietro Frenademez guidata da don Ivano. A raccontare l'esperienza curiosa è lo stesso chef: "dalla scorsa settimana per una settimana gestiremo noi la mensa - dice Dariz, che quattro anni fa ha predisposto con il sacerdote una sorta di prontuario nutrizionale a prova di bambino proprio per l'asilo - . Finora la cosa sta piacendo moltissimo. Un giorno abbiamo fatto il pollo al limone, con broccoli, purè e gelato fatto in casa. Poi si è cimentata la nostra pasticcera con crostate e torte". Ogni giorno due dei sei membri della brigata di cucina scendono dal Passo, a oltre 2.200 metri di quota, sino al centro di Cortina per tenere aperta la mensa e offrire un pasto caldo ai piccoli allievi dell'asilo. "E' stato emozionante - conclude Dariz - e credo che in tempi di Covid era giusto che anche noi facessimo la nostra parte". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"

Parigi: riapre la Torre Eiffel, accordo tra sindacati e direzione

Zelensky: "Dall'inizio della guerra morti 31mila soldati ucraini"