This content is not available in your region

L'omaggio del Parlamento europeo al suo presidente David Sassoli

Access to the comments Commenti
Di redazione italiana
euronews_icons_loading
L'omaggio del Parlamento europeo al suo presidente David Sassoli
Diritti d'autore  Jean-Francois Badias/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Anche il Parlamento europeo ha dato il suo ultimo saluto al suo presidente, David Sassoli, con una commemorazione ufficiale nel corso della prima sessione plenaria del 2022.

A Strasburgo, per l’occasione, erano resenti diversi premier e presidenti dei Parlamenti nazionali da tutta Europa. Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel:  "Della nostra collaborazione ho un prezioso ricordo, momenti che dimostrano come la gentilezza sia forza e mai debolezza, momenti che dimostrano come la tua preoccupazione principale fosse unirci verso il futuro, ispirandoci una nuova idea di Europa".

Assente la presidente della Commissione europea, Ursula Von Der Leyen, per la positività al covid del suo autista.

Toccanti anche le parole del presidente francese Emmanuel Macron, il cui Paese ricopre la presidenza di turno del l'Unione europea. 

"L'Europa che ha difeso è un'Europa unita dalla solidarietà dei cittadini, l'Europa che ha difeso è un' Europa forte della forza dell'unità. Fautore di pace e ordine in quest'emiciclo, è stato sempre disponible al confronto delle idee".

Dopo un trapianto del midollo riuscito, diceci anni fa, David Sassoli è stato ricoverato il giorno di Santo Stefano all'ospedale di Aviano, si è spento nella notte tra il 10 e l11 gennaio.

"David ci ha lasciato una grande eredità". Il giorno dei funerali di Stato "con quella bandiera europea, quel sentire tante lingue che si intrecciavano, abbiamo tutti sentito davvero che l'Europa non è solo direttive, istituzioni e acronimi. No. L'Europa sono innanzitutto le sue persone, le sue anime, i suoi cuori". 

Così il segretario del Pd Enrico Letta intervenendo alla commemorazione di David Sassoli al Parlamento europeo. "David si è sempre impegnato per un'Europa che non cadesse nella tentazione dell'omologazione, lavorando per un'unità rispettosa delle tradizioni e delle specificità", ha aggiunto.