This content is not available in your region

Malnutriti e venduti dalle famiglie: il triste destino dei bambini afghani

Access to the comments Commenti
Di Eloisa Covelli  Agenzie:  Ap
Un'infermiera controlla il peso di un bambino nella clinica improvvisata messa in piedi da World Vision in un insediamento vicino a Herat, 16 dicembre 2021
Un'infermiera controlla il peso di un bambino nella clinica improvvisata messa in piedi da World Vision in un insediamento vicino a Herat, 16 dicembre 2021   -   Diritti d'autore  Mstyslav Chernov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

L'Afghanistan ha il più alto tasso di mortalità infantile del mondo. Un triste primato che - secondo l'Unicef - detiene dal 2005. Negli ultimi 16 anni oltre 28mila bambini afghani sono stati uccisi o feriti in un conflitto a fuoco.

Ma per il ministro della Salute talebano i numeri sono lontani dalla realtà. "Le statistiche rilasciate dall'Unicef non sono accettabili - dice Abdul Bari Omar - Abbiamo ereditato questa situazione sanitaria con 50 bambini su 1000 che muoiono nella prima infanzia. Purtroppo non abbiamo ospedali specializzati e ben equipaggiati. Quando siamo entrati in Afghanistan l'ospedale Indira Gandhi era in condizioni pessime".

Secondo il fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia la povertà continua a crescere e alla fine del 2022 ci saranno più di 3 milioni di bambini malnutriti

"Abbiamo provato a curarlo nella nostra città ma non ha funzionato - dice una mamma di Maimana - ora l'abbiamo portato in ospedale e sembra stia meglio. I dottori gli danno delle medicine. Sono qui da 45 giorni".

Anche l'Organizzazione mondiale della sanità segue con preoccupazione questa situazione. Secondo l'Onu alcune famiglie, soprattutto in aree remote, vendono i propri figli perché non sanno come nutrirli.

Le storie dei bambini venduti

L'agenzia internazionale Ap riporta la storia di Aziz Gul che dal campo di Shedai, un vasto insediamento di capanne di mattoni di fango nell'Afghanistan occidentale, sta combattendo per salvare sua figlia. Suo marito ha venduto la loro bambina di 10 anni per farla sposare, senza dire nulla alla moglie, prendendo un acconto in modo da poter sfamare la sua famiglia di cinque figli. Senza quei soldi, le disse, sarebbero tutti morti di fame. 

Molti poveri in Afghanistan stanno prendendo decisioni disperate come queste, mentre la nazione precipita in un vortice di povertà. 

"Giorno dopo giorno, la situazione si sta deteriorando in questo Paese e soprattutto i bambini stanno soffrendo", dice Asuntha Charles, direttore nazionale dell'organizzazione umanitaria World Vision in Afghanistan, che gestisce una clinica per sfollati appena fuori dalla città occidentale di Herat. 

"Oggi ho il cuore spezzato nel vedere che le famiglie sono disposte a vendere i propri figli per sfamare altri membri della famiglia", continua Charles. 

Organizzare matrimoni per ragazze molto giovani è una pratica frequente in tutta la regione. La famiglia dello sposo - spesso parenti lontani - paga dei soldi per sigillare l'accordo e la bambina di solito rimane con i suoi genitori fino a quando non ha almeno 15 o 16 anni. 

Ma Gul, insolitamente in questa società profondamente patriarcale, sta resistendo. Sposatasi a 15 anni, dice che si ucciderebbe se sua figlia, Qandi, venisse portata via con la forza.

Gul ricorda bene il momento in cui ha scoperto che suo marito aveva venduto Qandi. Da circa due mesi c'era cibo, per questo si è insospettita e ha chiesto al marito da dove provenissero i soldi e lui le ha raccontato la verità.

“Il mio cuore ha smesso di battere. Avrei voluto morire in quel momento, ma forse Dio non voleva che morissi", ricorda Gul. La donna allora ha radunato la sua comunità, dicendo a suo fratello e agli anziani del villaggio che suo marito aveva venduto sua figlia alle sue spalle. L'hanno sostenuta e con il loro aiuto ha ottenuto un "divorzio", ma solo a condizione che restituisse i 100.000 afghani (circa mille dollari) che suo marito aveva ricevuto.

Sono soldi che non ha. Suo marito è fuggito, forse temendo che Gul potesse denunciarlo alle autorità. Il governo talebano ha recentemente annunciato il divieto di costringere le donne al matrimonio o di utilizzare donne e ragazze come gettoni di scambio per risolvere le controversie.

La famiglia del futuro sposo, un uomo di circa 21 o 22 anni, ha già provato più volte a reclamare la ragazza, dice. Non sa per quanto tempo riuscirà a respingerli.

“Sono così disperata. Se non posso restituire i soldi e non posso tenere mia figlia con me, mi ucciderò", dice Gul. “Ma poi penso agli altri bambini. Che ne sarà di loro? Chi li nutrirà?" continua. Il più grande ha 12 anni, il più giovane - il sesto - solo due mesi.

Rimasta sola, Gul lascia i bambini con sua madre e va a lavorare nelle case delle persone abbienti. Suo figlio di 12 anni lavora raccogliendo lo zafferano dopo la scuola. È appena sufficiente per nutrirli e la stagione dello zafferano è breve, solo poche settimane in autunno.

In un'altra parte dello stesso campo, Hamid Abdullah, padre di quattro figli, ha venduto anche le sue giovani figlie in matrimoni combinati, alla disperata ricerca di denaro per curare la moglie malata cronica, incinta del quinto figlio.

Abdullah ha preso in prestito denaro per pagare le cure di sua moglie e non può restituirlo, dice. Quindi, tre anni fa, ha ricevuto un acconto per la figlia maggiore Hoshran, che ora ha 7 anni, per un matrimonio combinato con un diciottenne nella provincia nativa di Badghis. Ora sta cercando qualcuno che compri la sua seconda figlia, Nazia di 6 anni.

"Non abbiamo cibo da mangiare - dice Abdullah - Mia moglie ha bisogno di un altro intervento chirurgico, non ho un afghano per pagare il dottore".

La famiglia che ha acquistato Hoshran sta aspettando che sia più grande prima di saldare l'intero importo, racconta Abdullah. Ma ha bisogno subito di soldi per cibo e cure, quindi sta cercando di organizzare un matrimonio per Nazia per circa 20.000-30.000 afghani (200-300 dollari).

"Cosa dovremmo fare? Dobbiamo farlo, non abbiamo altra scelta", dice sua moglie, Bibi Jan. "Quando abbiamo preso la decisione, è stato come se qualcuno mi avesse portato via una parte del corpo".

Nella vicina provincia di Badghis, un'altra famiglia di sfollati sta valutando di vendere il figlio Salahuddin di 8 anni.

Sua madre, Guldasta, ha detto che dopo giorni senza niente da mangiare, ha detto a suo marito di portare il ragazzo al bazar e di venderlo per portare il cibo per gli altri.

"Non voglio vendere mio figlio, ma devo farlo", ha detto la 35enne. "Nessuna madre può fare questo a suo figlio, ma quando non hai altra scelta, devi prendere una decisione contro la tua volontà".

Salahuddin sbatte le palpebre e guarda la scena in silenzio. Circondato da alcuni dei suoi sette fratelli e sorelle, il suo labbro trema leggermente.

Suo padre, Shakir, che è cieco da un occhio e ha problemi ai reni, racconta che i bambini piangevano da giorni per la fame. Due volte, dice, ha deciso di portare il ragazzo al bazar e due volte ha vacillato, incapace di andare fino in fondo. "Ma ora penso di non avere altra scelta che venderlo."

L'acquisto di maschi è meno comune rispetto alle femmine e, quando avviene, si tratta di casi di neonati acquistati da famiglie che non hanno figli maschi.