Omicidio Rocchelli, confermata l'assoluzione per Markiv

Fotoreporter pavese fu ucciso nel Donbass il 24 maggio del 2014
Fotoreporter pavese fu ucciso nel Donbass il 24 maggio del 2014
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 09 DIC - La corte di Cassazione ha confermato l'assoluzione, decisa in secondo grado, per Vitaly Markiv, accusato dell'uccisione di Andy Rocchelli, il fotoreporter pavese ucciso nel Donbass il 24 maggio del 2014. Markiv, un militare della Guardia nazionale ucraina, è stato condannato nel 2019 a 24 anni di reclusione dalla Corte d'Assise di Pavia e successivamente assolto, nel novembre 2020, nel processo d'appello, e scarcerato. La Cassazione ha respinto i ricorsi presentati contro l'assoluzione e di fatto ha confermato la sentenza d'appello. Il pg aveva chiesto di annullare l'assoluzione per Vitaly Markiv sollecitando un nuovo processo di appello. Markiv, ex soldato della Guardia Nazionale Ucraina, era stato condannato in primo grado a 24 anni e poi assolto in appello. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In Russia screditare l'esercito non si può, due anni e mezzo di carcere all'attivista Oleg Orlov

L'inquinamento da plastica degli oceani al centro del vertice del Wto

Russia: 9 anni fa a Mosca l'omicidio di Boris Nemtsov