EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Indipendenza dalla Francia, la Nuova Caledonia ci riprova (senza speranze)

Indipendenza dalla Francia, la Nuova Caledonia ci riprova (senza speranze)
Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Euronews France - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Terzo referendum in quattro anni (dopo 2018 e 2020= nel territorio francese d'Oltremare, nell'Oceano Pacifico. Gli indipendentisti hanno annunciato, per protesta, il boicottaggio della consultazione. Il risultato sarà quasi certamente un altro "No"

PUBBLICITÀ

La Nuova Caledonia, territorio francese d'Oltremare, domenica 12 dicembre voterà di nuovo per decidere sulla sua indipendenza (o meno) dalla Francia.

Un referendum si terrà, per la terza volta in quattro anni, su questo arcipelago alla fine del mondo, situato al largo dell'Australia.

Picasa
Oceania.Picasa

A lungo risparmiati dalla pandemia, i 200.000 abitanti della Nuova Caledonia hanno, infine, dovuto confinarsi dall'inizio dello scorso settembre.

I sostenitori dell'indipendenza ritengono che la campagna referendaria non si sia svolta in condizioni normali e hanno, quindi, deciso di non partecipare al voto.
Un motivo di soddisfazione in più per iI governo filo-francese.

Dichiara Thierry Santa, presidente uscente del governo locale:
"Credo che, alla fine, la mancanza di partecipazione degli elettori pro-indipendenza sia un segno incoraggiante, dimostra che vogliono affrontare decisamente l'argomento, ma non in modo violento. E questo è di buon auspicio per il futuro, in modo che le discussioni possano svolgersi in un clima più sereno".

Screenshot video
Thierry Santa, presidente uscente del governo della Nuova Caledonia.Screenshot video

Si sono già svolti due referendum nel 2018 e nel 2020.
Ogni volta il "NO" all'autonomia ha vinto, ma solo con un margine ristretto, soprattutto l'anno scorso.

Il gruppo pro-indipendenza sperava, stavolta, di ribaltare la situazione. Ma le dispute politiche hanno avuto la meglio sulle loro ambizioni.
Il boicottaggio del referendum da parte degli indipendentisti è il risultato del "disprezzo" (hanno detto proprioo cosi) di Parigi per il popolo indigeno Kanak.
In queste condizioni, l'indipendenza verrà quasi certamente respinta anche stavolta.

Resta da vedere, dopo l'esito del referendum, cosa sarà del processo di decolonizzazione della Nuova Caledonia, in corso da quasi 40 anni...

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Caledonia, gli indipendentisti contro il risultato del referendum

La Nuova Caledonia resta francese. Soddisfatto il presidente Macron

La Nuova Caledonia dice "No" alla indipendenza. Un risultato annunciato