EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Le associazioni al governo polacco: "Aprite un corridoio umanitario"

Le associazioni al governo polacco: "Aprite un corridoio umanitario"
Diritti d'autore Czarek Sokolowski/Associated Press
Diritti d'autore Czarek Sokolowski/Associated Press
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo i manifestanti si rischia una catastrofe umanitaria

PUBBLICITÀ

Manifestazioni di solidarietà coi profughi bloccati al confine bielorusso. A Hajonowka, sul versante polacco della frontiera, le associazioni sono scese in strada per chiedere che il governo di Varsavia permetta loro di raggiungere e aiutare i migranti ancora bloccati.

"Alle autorità e al governo chiediamo di aprire un corridoio umanitario per permettere alle associazioni di far arrivare i medici nella foresta, nella zona isolata", dice una avvocata venuta da Wroclaw.

"Voglio fare qualcosa soprattutto per i bambini. Quantomeno fare sentire la mia protesta, fare vedere al governo, al presidente, al primo ministro che noi siamo qui, e non siamo d'accordo con quello che stanno facendo".

In effetti, la Polonia ha fatto poco, a parte lo sgombero forzato degli accampamenti di fortuna a Konikca, mentre la Bielorussia ha spostato all'interno di un magazzino abbandonato 2000 persone che bivaccavano all'addiaccio.

Nonostante le dichiarazioni di principio da parte dell'Unione europea, la crisi è ancora lontana dalla soluzione. Secondo Varsavia, da qualche giorno la Bielorussia avrebbe cambiato tattica, spingendo piccoli gruppi di profughi in punti isolati della frontiera.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: Tusk invita i polacchi a votare, "Ue unico modo per evitare la guerra"

Polonia: il progetto di coalizione conservatrice Ppe-Ecr sulla strada del fallimento

Polonia, Tusk: "Arrestati dodici sabotatori controllati dalla Russia"