EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Nuove accuse per Aung San Suu Kyi. L'ex leader birmana incriminata per frodi elettorali

Nuove accuse per Aung San Suu Kyi. L'ex leader birmana incriminata per frodi elettorali
Diritti d'autore Aung Shine Oo/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Aung Shine Oo/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nuove accuse per la ex leader birmana deposta nel golpe di febbraio. Aung San Suu Kyi incriminata per frodi elettorali

PUBBLICITÀ

Si allunga la lista di accuse nei confronti di Aung San Suu Kyi. L’ex leader birmana deposta dall’esercito a febbraio sarà incriminata anche Frodi elettorali commesse durante le elezioni legislative del 2020 vinte dal suo partito.

La San Suu Kyi è sommersa da numerosi procedimenti legali. Perseguiti per lo stesso reato altri quindici funzionari, tra cui l'ex presidente della Repubblica Win Myint arrestato anche lui durante il golpe.

Graziato, rilasciato ed espulso invece Danny Fenster il giornalista americano detenuto per terrorismo. L’uomo era alla vigilia di un processo dove rischiava l'ergastolo. La notizia è stata diffusa dall'ex politico statunitense Bill Richardson. Il rilascio di Fenster, spiega in un comunicato l'ex governatore del nuovo Messico, è stato "ottenuto in seguito a una visita umanitaria privata del governatore Richardson in Birmania ed a negoziati faccia a faccia con il generale Min Aung Hlaing", comandante in capo delle forze armate del paese.

La settimana scorsa il giornalista di 37 anni era stato condannato a 11 anni di reclusione per la violazione delle norme sull'immigrazione e altri reati. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Corea del Nord: turisti russi in visita a Pyongyang

Georgia, vandalizzata icona religiosa raffigurante Stalin: proteste furiose a Tbilisi

Chi è Yekaterina Duntsova, la pacifista a cui Mosca impedisce di candidarsi alle elezioni?