This content is not available in your region

Migranti, scontro Bielorussia-Polonia-Unione europea. Morawiecki: "C'è lo zampino di Putin"

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews - Agenzie internazionali
euronews_icons_loading
Migranti, scontro Bielorussia-Polonia-Unione europea.  Morawiecki: "C'è lo zampino di Putin"
Diritti d'autore  Leonid Shcheglov/BelTA

Circa 2.000 migranti sono accampati al gelo, con poche scorte di cibo, sul lato bielorusso del confine tra Bielorussia e Polonia.

Minsk sostiene che non stanno cercando di rimanere nel loro paese, ma vogliono arrivare in Europa. E che la Polonia è responsabile della situazione, avendo costruito recinzioni con filo spinato e aumentato la presenza militare.

Polonia: i migranti tentato di forzare i blocchi di frontiera

Mentre i media polacchi raccontano che, durante la notte, due numerosi gruppi di migranti hanno tentato di forzare la frontiera per entrare in Polonia, l'Unione europea è pronta a imporre sanzioni mirate alla Bielorussia per l'evidente strategia della tensione messa in atto.
Proprio attraverso la massiccia presenza di migranti lungo il confine tra Polonia e Bielorussia.

Bruxelles accusa il presidente bielorusso Alexander Lukashenko di usare i migranti come "scudi umani".

Nikolai Petrov/BelTA
Lo sguardo corrucciato di Alexander Lukashenko.Nikolai Petrov/BelTA
"Uno per tutto e tutti per uno!"
Charles Michel
Presidente del Consiglio europeo

Interviene Charles Michel, presidente del Consiglio europeo:
"Stiamo affrontando un brutale attacco ai nostri confini dell'Ue. Abbiamo aperto il dibattito sul finanziamento Ue delle infrastrutture fisiche di confine e questo deve essere risolto rapidamente, perché i confini polacchi e baltici sono confini europei. Uno per tutti e tutti per uno!".

AP Photo
Charles Michel, presidente del Consiglio europeo.AP Photo

"Colpa di Putin"

il primo ministro polacco Mateus Morawiecki va oltre: ha dichiarato che dietro la crisi dei migranti c'è la regia di Vladimir Putin...

Olivier Hoslet/EPA
Il primo ministro polacco Mateus Moraviecki.Olivier Hoslet/EPA

Mesi di "crisi orientale"

La crisi sul fronte europeo orientale va avanti da mesi, da quando Polonia, Lituania e Lettonia hanno accusato la Bielorussia di incoraggiare migliaia di migranti, provenienti soprattutto dal Medio Oriente, ad entrare illegalmente in questi tre paesi dell'Ue.

Anche la Lituania ha dichiarato lo stato di emergenza al confine con la Bielorussia.

Tra le sanzioni a cui sta pensando l'Unione europea, una riguarda le compagnie aeree "conniventi": è il caso, ad esempio, della compagnia statale bielorussia Belavia, accusata di organizzare appositi voli Baghdad-Minsk per "recuperare" migranti da "gettare in pasto" all'Europa.

Berlino appoggia l'opposizione bielorussa

A Berlino, intanto, in occasione della grande manifestazione per ricordare il 9 novembre 1989, il giorno della Caduta del Muro di Berlino, si è svolta anche un protesta contro il governo bielorusso di Lukashenko, organizzata dal gruppo "Volny Chor", a cui ha partecipato anche la leader dell'opposizione Svetlana Tsikhanouskaya.

Markus Schreiber/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Protesta del movimento Volny Chor a Berlino, contro il governo bielorusso.Markus Schreiber/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved