EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Nozze gay all'estero,Comune sardo contro ostacoli burocrazia

Sindaco P.Torres, "cambiare leggi che fissano paletti obsoleti"
Sindaco P.Torres, "cambiare leggi che fissano paletti obsoleti"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PORTO TORRES, 02 NOV - "In Italia vincoli amministrativi impediscono ai Comuni di rilasciare il nulla osta necessario per sposarsi all'estero con persone dello stesso sesso, i sindaci uniti chiedano al legislatore di superare tali ostacoli e consentirgli di rilasciare i documenti necessari a chi vuole coronare il suo progetto di vita comune". È la battaglia promossa dal sindaco di Porto Torres, Massimo Mulas, ispirandosi a una vicenda che di recente ha visto protagonista suo malgrado il Comune che guida dal novembre 2020 dopo la vittoria al ballottaggio con una confluenza di liste civiche. "Porto Torres - riferisce il suo staff - non ha potuto rilasciare il certificato di capacità matrimoniale a un richiedente perché nell'ordinamento italiano è possibile darlo solo a persone di sesso diverso". Il diniego ha suscitato la contrarietà dei diretti interessati, una coppia di sardi che vive alle Canarie e hanno in programma di sposarsi in Spagna. "La vicenda va affrontata da un doppio punto di vista - dichiara Mulas - Sul piano amministrativo si deve prendere atto degli insuperabili vincoli di legge che oggi impediscono ai Comuni di fornire l'atto, ma sul piano politico è doveroso far sì che gli impedimenti siano superati". Il primo cittadino premette che "un sindaco non può chiedere a un funzionario di infrangere la legge" e per supportare la sua tesi conferma che "il Comune di Sinnai si è limitato a rilasciare all'altro partner un semplice certificato anagrafico di cittadinanza, residenza e stato libero". Una vicenda che può diventare il pretesto per sollevare il problema a livello nazionale. "La nostra è tra le poche amministrazioni che si è espressa a favore del Ddl Zan - ricorda Mulas - certe posizioni sono superate, la tutela dei diritti, l'autodeterminazione e la libertà di amare sono beni primari da tutelare". Per questo, chiarisce, "se le leggi mettono dei paletti obsoleti occorre cambiarle ma intanto la pubblica amministrazione deve applicarle". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Putin: "Mosca valuta revisioni della dottrina nucleare"

Le notizie del giorno | 21 giugno - Mattino

Elezioni nel Regno Unito: scandalo scommesse per la data del voto, ira di Sunak