This content is not available in your region

Pechino 2022, fiamma olimpica nella mani degli organizzatori

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Pechino 2022, fiamma olimpica nella mani degli organizzatori
Diritti d'autore  Thanassis Stavrakis/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Tra le proteste degli attivisti la fiamma olimpica è stata consegnata agli organizzatori delle Olimpiadi di Pechino 2022 prima di raggiungere la Cina da Atene.

Il presidente del Comitato olimpico ellenico, Spyros Kapralos, ha affidato una lanterna contenente la fiamma al vicepresidente del Comitato Organizzatore dei Giochi invernali Yu Zaiqing, durante una cerimonia allo Stadio Panathinaiko.

Intanto gli attivisti per i diritti umani continuano a farsi sentire. "Questo è sportswashing. Non ci sono ragioni legittime per ospitare i giochi durante un genocidio", ha detto Zumretay Arkin, Advocacy Manager del World Uighur Congress, "Sicuramente ci saranno proteste (in Cina) di uiguri, tibetani", ha anticipato Arkin, che ha affermato di non aver avuto contatti con la sua famiglia dal 2017.

Secondo i manifestanti il Comitato Olimpico Internazionalesta contaminando lo spirito dei Giochi. Per il presidente del Comitato olimpico ellenico la fiamma è e sarà sempre invece un potente simbolo delle tradizioni e dei valori olimpici dell’amicizia, della solidarietà e del rispetto.

L’arrivo della fiamma olimpica a Pechino è previsto per questo mercoledì a circa 100 giorni dall’inizio delle Olimpiadi invernali in programma dal 4 al 20 febbraio.

Fiamma accesa senza pubblico

Per la terza volta nella storia la cerimonia di accensione della fiamma olimpica presso le rovine del Tempio di Hera nell'antica Olimpia in Grecia, si terrà senza la presenza di spettatori. Come ha annunciato il Comitato olimpico ellenico, "a causa della situazione creata dalla pandemia di Covid-19, la cerimonia di accensione si terrà nel rigoroso rispetto dei protocolli sanitari locali".

Nella sede degli antichi Giochi greci dall'VIII secolo a.C. al IV secolo d.C, ad accendere la fiamma l'attrice greca Xanthi Georgiou con addosso l'abito tradizionale, il chitone. Assistita da 35 sacerdotesse, la grande sacerdotessa Georgiou, seguendo un rigoroso rituale, si è inginocchia su uno specchio parabolico, raccogliendo i raggi del sole.

Risorse addizionali per questo articolo • ANSA