"Uiguri e lavori forzati: tutte bugie"

"Uiguri e lavori forzati: tutte bugie"
Diritti d'autore Ng Han Guan/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Ng Han Guan/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una bugia per screditarci, non interferite. Pechino contro l'inchiesta francese su big dell'abbigliamento e presunto lavoro forzato degli uiguri

PUBBLICITÀ

4 big dell'abbigliamento accusati di "occultamento di crimini contro l'umanità"

"Una bugia costruita ad arte per screditarci. Non si interferisca nelle nostre questioni interne. Pechino replica all'apertura dell'inchiesta in Francia, contro quattro giganti dell'abbigliamento, accusati di "occultamento di crimini contro l'umanità" perché sospettati di sfruttare il lavoro forzato degli uiguri, minoranza musulmana perseguitata in Cina.

Francisco Seco/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.
La comunità uigura protesta contro la Cina in BelgioFrancisco Seco/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.

Pechino: "Bugie inventate per screditarci. Non interferite"

"Abbiamo sottolineato a più riprese - ha detto Wang Wenbin, Portavoce del ministero degli esteri cinese - che il presunto lavoro forzato nello Xinjiang è una menzogna inventata da un ristretto numero di elementi anti-cinesi degli Stati Uniti e di pochi altri paesi. Ci opponiamo a qualsiasi forza esterna che interferisca nei nostri affari interni e confidiamo nel fatto che non ci lasci ingannare dalle menzogne su questo presunto lavoro forzato". 

Nel mirino anche il gruppo a cui fa capo Zara

L'inchiesta prende le mosse da un rapporto stilato nel 2020 dalla ONG, Australian Strategic Policy Institute. Una denuncia, su queste basi, è stata sporta ad aprile dalla associazione anticorruzione Sherpa, dal collettivo di moda etica "Éthique sur l'étiquette" e dall'Istituto Uiguri d'Europa, insieme a una donna uigura che denuncia di essere stata vittima di lavori forzati nella provincia cinese dello Xinjang. I marchi chiamati in causa nella denuncia sono lo spagnolo Inditex (a cui fanno tra l'altro capo i marchi Zara e Bershka), il marchio di scarpe Skechers, quello di proprietà giapponese Uniqlo France e il francese SMCP.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Una sfilata di moda contro il lavoro forzato

Diritti umani, Guterres: "La Cina consenta visita Bachelet"

Incontro tra Scholz e Xi Jinping in Cina, focus sulla pace in Ucraina: i 4 punti del leader cinese