Un milione e 200 mila firma per il referendum sull'eutanasia

Marco Cappato
Marco Cappato Diritti d'autore Alessandra Tarantino/Copyright 2017 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews e ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Corte di Cassazione ha ricevuto anche in formato digitale la richiesta di un referendum sull'eutanasia promossa dall'associazione Luca Coscioni

PUBBLICITÀ

Sono state depositate in Cassazione le oltre un milione e duecentomila firme raccolte per chiedere un referendum sulla legalizzazione dell'eutanasia. I documenti sono stati depositati da Marco Cappato dell'associazione Luca Coscioni e dai coordinatori del comitato.  Al “Palazzaccio” di Roma , sul Lungotevere, oltre a Marco Cappato e Filomena Gallo, cioè i dirigenti dell'associazione, erano presenti anche Mina Welby, vedova di Piergiorgio, e Valeria Imbrogno, la compagna di Dj Fabo, che sono state entrambe protagoniste di estenuanti battaglie per consentire ai loro cari il suicidio assistito.

La novità sta nel fatto che questa sottoscrizione presso l'ufficio centrale per i referendum della Suprema Corte italiana risulta essere stata la prima campagna al mondo a beneficiare della firma digitale. Per Cappato si tratta di una innovazione che non può spaventare.

La dinamica del referendum

Il quesito referendario propone l'abrogazione parziale dell'articolo 579 del codice penale che punisce l'omicidio del consenziente. Adesso le firme raccolte saranno vagliate dall'ufficio centrale per i referendum della Cassazione che deve verificarne la validità. Se per la Corte tutto va bene il dossier  passa alla Consulta che deve stabilire l'ammissibilità del quesito. Se anche dai giudici costituzionali ci sarà il via libera, i cittadini  italiani potrebbero essere chiamati alle urne per il voto in una domenica tra il 15 aprile e il 15 giugno del  2022.

Le ragioni delle condizioni gravissime

«Nessuno dei cittadini vuole morire, anche chi è in gravi condizioni - ha detto Mina Welby - ma io credo che quando la sofferenza è talmente grande e terribile ognuno abbia il diritto di dire basta. Non è sempre necessaria l'eutanasia e questo lo voglio dire al Vaticano: a mio marito non è stato fatto il funerale nonostante la sua morte non fosse eutanasia, ma semplicemente un'interruzione della sua ventilazione artificiale, divenuta per lui insopportabile».

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dj Fabo: Marco Cappato assolto dai giudici. "Non fu aiuto al suicidio"

Francia: Parigi dice sì all'aumento delle tariffe per i parcheggi dei Suv

Cile, referendum Costituzione: il 55% dice no all'adozione di un nuovo testo