Green Pass: manifestazione protesta a Pescara

Organizzatore,non serve colpevolizzare o bullizzare nostri figli
Organizzatore,non serve colpevolizzare o bullizzare nostri figli
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PESCARA, 04 SET - Proseguono ad oltranza le manifestazioni vespertine del sabato, a Pescara, contro il Green Pass e l'eventuale imposizione dei vaccini anti-Covid ai minori: anche stasera in piazza Rinascita evento pacifico organizzato da Nico Liberati, componente del gruppo permanente di lavoro, che organizza i sit-in e che coinvolge sempre più associazioni e realtà associative presenti in Abruzzo e nelle Marche. "Non possiamo e non dobbiamo permettere che trattino i nostri figli come dei malati cronici fin dalla più giovane età - ha detto Liberati nel corso del suo intervento - dobbiamo impedire la sperimentazione di massa sui nostri figli. L'ago della bilancia, la goccia che farà traboccare il vaso, è certamente la questione legata alla gestione dei minori. Come poterci fidare ancora, di chi ha intenzione di utilizzare i nostri figli come cavie, con la scusa di tutelare la nostra salute: vogliono inocularli con dei sieri sperimentali, vogliono preservarli ma li additano come dei malati. E mentre ci chiedono il permesso di inocularli, con la pretesa di curarli, da una malattia che per loro è poco più che un raffreddore, per preservare il bene comune e la comunità, continuano a farli alloggiare in istituti scolastici insicuri, non forniscono loro biblioteche, palestre o luoghi di incontro e socializzazione". Secondo Liberati "costoro sono i colpevoli, ed i governi attraverso le associazioni di categoria, i giornalisti, debbono evitare di colpevolizzare una nazione intera, perché anche volendo non potranno a lungo sfuggire alle proprie responsabilità. Per vaccinare tutti, non serve colpevolizzare o bullizzare i nostri figli. Le autorità che dispongono degli strumenti per fermare la pandemia possono o meno attuare un obbligo vaccinale, ma senza terrorizzare, distorcere o inventare complotti inesistenti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: l'Unrwa cessa le attività nel nord della Striscia, rifiutato il piano di Netanyahu

Ucraina: Meloni e von der Leyen a Kiev per il G7, il primo sotto la presidenza dell'Italia

Nuove sanzioni a Mosca dopo la morte di Navalny: colpite aziende cinesi, indiane e turche