ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sei paesi all'Ue: "Continuare rimpatri migranti verso l'Afghanistan"

Access to the comments Commenti
Di Euronews Agenzie:  Ansa
euronews_icons_loading
Sei paesi all'Ue: "Continuare rimpatri migranti verso l'Afghanistan"
Diritti d'autore  EBU
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Europa deve continuare con i rimpatri "volontari e non" dei migranti irregolari in Afghanistan, dove i talebani continuano a guadagnare terreno dopo il ritiro delle truppe internazionali. A chiederlo sono i ministri degli Esteri di sei paesi - Germania, Austria, Paesi Bassi, Danimarca, Belgio e Grecia - in una lettera indirizzata alla Commissione europea.

"Spetta ad ogni Stato membro valutare individualmente se il ritorno è possibile", ha detto un portavoce della Commissione europea. Bruxelles "è in contatto col governo" afhgano, ma da fonti europee è trapelato che, data la situazione, non sono previsti rimpatri forzati verso l'Afghanistan.

I talebani controllano ormai il 65% del territorio del paese. Motivo per cui, un mese fa, il governo di Kabul ha notificato la decisione di sospendere per tre mesi le operazioni di rimpatrio forzato dei migranti dall'Unione europea. Una decisione contestata dai sei paesi europei.

I capi della diplomazia dei sei Paesi chiedono il rispetto dei principi sanciti nella dichiarazione congiunta tra l'Unione europea e l'Afghanistan, firmata il 28 aprile scorso, per agevolare i rimpatri "dignitosi e sicuri" dei cittadini afgani che "non soddisfano le condizioni per rimanere nell'Ue".

"Ci teniamo a ribadire che la dichiarazione non prevede alcuna clausola per fermare o sospendere i ritorni in Afghanistan - qualsiasi tipo di controversia sull'interpretazione degli accordi dovrebbe essere risolta nel gruppo di lavoro congiunto", scrivono, evidenziando anche che "nel diritto internazionale esiste un'osservazione generale per qualsiasi Paese di riprendere i propri cittadini".

I ministri chiedono quindi alla Commissione Ue di "impegnarsi in un dialogo intensificato con i partner afgani sulle questioni urgenti in materia di migrazione, tra cui una cooperazione rapida ed efficace per i rimpatri" basata sugli accordi. Dal 2015 sono circa 570mila gli afgani che hanno chiesto asilo in Europa, 44mila solo lo scorso anno.