ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Hiroshima, la cerimonia a 76 anni dalla bomba atomica

Access to the comments Commenti
Di Euronews Agenzie:  Ansa
euronews_icons_loading
Una bambina prega di fronte al cenotafio di Hiroshima
Una bambina prega di fronte al cenotafio di Hiroshima   -   Diritti d'autore  上所啓二/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre 328mila nomi sono contenuti dentro il cenotafio di Hiroshima. I nomi delle vittime che dal 1943 ad oggi sono morte per la bomba atomica. Nel servizio le immagini della cerimonia per il 76esimo anniversario. Dove prima c'era il cuore pulsante della città, oggi c'è il Parco del memoriale della pace.

上所啓二/AP
Il cenotafio di Hiroshima上所啓二/AP

È il secondo anniversario della pandemia. Il numero dei partecipanti stato ridotto di un decimo, a circa 880 persone, con rappresentanti di 86 diverse nazioni. Alle 8,15 il rintocco della campana ha scandito l'inizio del minuto di silenzio; l'orario esatto di 76 anni fa in cui l'ordigno atomico venne sganciato dal bombardiere B29 statunitense 'Enola Gay', provocando circa 140mila morti. Una seconda bomba venne lanciata su Nagasaki il 9 agosto, decretandodi fatto la fine della s**econda guerra mondiale, 6 giorni dopo, con la resa incondizionata del Giappone**. Presenti alla cerimonia i sopravvissuti al disastro, 'gli hibakusha', con un'età media ormai vicina agli 84 anni.

上所啓二/AP
Il premier giapponese depone una corona al cenotafio di Hiroshima上所啓二/AP

L'evolversi della pandemia non ha consentito un avanzamento dei negoziati sul disarmo e le trattative per la revisione delTrattato di non proliferazione nucleare. Nel discorso iniziale il sindaco di Hiroshima, Matsui Kazumi, ha sollecitato il governo a finalizzare le trattative. Il premier giapponese Yoshihide Suga, nel suo intervento si è limitato a ribadire la diversità delle posizioni sul tema dei diversi Paesi, promettendo comunque l'impegno di Tokyo per un'azione di collegamento. Pur essendo l'unico paese vittima di un attacco atomico, il Giappone non è tra i firmatari del Trattato di non proliferazione nucleare siglato nel luglio del 2017 da un totale di 122 Paesi.