ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Unione europea firma un contratto con Novavax. Intesa per 200 milioni di dosi

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Unione europea e vaccino Novavax
Unione europea e vaccino Novavax   -   Diritti d'autore  Copyright (c) Copyright Thomson Reuters 2021.
Dimensioni di testo Aa Aa

Accordo fatto. La Commissione europea ha annunciato di aver raggiunto un’intesa con una casa farmaceutica per fornire ai Paesi dell'Unione fino a 200 milioni di dosi del vaccino Novavax. La distribuzione dovrebbe partire nel trimestre di quest'anno fino ai prossimi due anni. L'intesa diventerà operativa non appena Novavax sarà giudicato "sicuro ed efficace" dall'Ema, l’Agenzia europea per i medicinali.

Altro vaccino a mRna

L’Ue sta puntando tutto o quasi sui vaccini a Rna messaggero, come Novavax è molto atteso. In base a questo contratto, gli Stati membri potranno acquistare fino a 100 milioni di dosi del vaccino Novavax, con un'opzione per 100 milioni di dosi aggiuntive nel corso del 2021, 2022 e 2023. Gli Stati membri potranno anche donare vaccini ai Paesi a reddito medio e basso o reindirizzarli verso altri Paesi europei.

Secondo quanto dichiarato dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen è un passo importante in un momento in cui si stanno diffondendo nuove varianti del Covid-19.“Questo nuovo contratto con un'azienda che sta già testando con successo il suo vaccino contro queste varianti è un'ulteriore salvaguardia per la protezione della nostra popolazione. Rafforza ulteriormente il nostro ampio portafoglio di vaccini, a vantaggio degli europei e dei nostri partner in tutto il mondo".

Stella Kyriakides, commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha aggiunto: "Le vaccinazioni nell'Ue stanno avanzando e siamo più vicini al nostro obiettivo del 70% di cittadini completamente vaccinati entro la fine dell'estate. Il nostro nuovo accordo con Novavax amplia il nostro portafoglio per includere un altro vaccino a base di proteine, una piattaforma promettente negli studi clinici.”