ULTIM'ORA
This content is not available in your region

I fatti più importanti della settimana da Bruxelles

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe
euronews_icons_loading
I fatti più importanti della settimana da Bruxelles
Diritti d'autore  Jean-Francois Badias/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Questa settimana, dopo un lungo processo, l'Europa si è posizionata tra i leader mondiali Non stiamo parlando delle Olimpiadi, ma della campagna vaccinale.

L'Unione Europea ha raggiunto il proprio obiettivo di immunizzare il 70% degli adulti con almeno una dose entro la fine di luglio. Inoltre, il 57% degli adulti è ora completamente vaccinato con due dosi.

Ad annunciare questi numeri, la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen che si è detta soddisfatta senza essere eccessivamente emozionata.

Il motivo: il Covid-19 è lungi dall'essere sconfitto e il vaccino rimane praticamente l'unica arma a nostra disposizione.

Così Ursula von der Leyen: “Dobbiamo continuare a impegnarci. La variante Delta è molto pericolosa, quindi invito tutti coloro che hanno la possibilità, di farsi vaccinare per la propria salute e per tutelare gli altri”.

L'annuncio del risultato provvisorio positivo è arrivato in un momento di aumento dei contagi, soprattutto tra i non vaccinati.

Alcuni paesi come la Francia hanno ora approvato leggi severe per frenare l'ascesa della variante Delta, penalizzando le persone che non si sono vaccinate

Nell'esagono questo è stato accolto dalle proteste di una rumorosa minoranza che ancora rifiuta di farsi vaccinare, descrivendo il presidente Emmanuel Macron come un dittatore che toglierebbe le libertà personali agli altri. Imperterrito, Macron, in visita nei territori francesi d'oltremare nel Pacifico meridionale, si è scagliato contro quei manifestanti.

Emmanuel Macron: "Quanto vale la tua libertà? Se mi dici "Non voglio farmi vaccinare"?, ma se domani contagi tuo padre, tua madre o me, io sono vittima della tua libertà. Hai avuto l'opportunità di avere qualcosa per proteggere te stesso e gli altri. (…) Questa non è libertà, si chiama irresponsabilità, si chiama egoismo”.

Parole dure in quella che sembra una forma di guerra culturale che polarizza sempre di più le persone.

In Belgio, i ricercatori hanno appena condotto un sondaggio per scoprire cosa spinge le persone in un campo o nell'altro. L'idea è capire meglio entrambi i gruppi e cosa li motiva.

Abbiamo raggiunto Timothy Desmet, economista, specializzato in marketing e comportamento dei consumatori, alla Libera Università di Bruxelles.

Euronews: "È stato appena concluso uno studio tra i belgi per scoprire perché hanno scelto di vaccinarsi o meno. Quali sono i fatti degni di menzione?"

Desmet: "Beh, la conclusione principale è che la maggior parte delle persone è davvero contenta della campagna di vaccinazione. Menzionano principalmente i benefici per la salute non solo per se stessi, ma in primo luogo i benefici per la salute per le persone più deboli e gli anziani o che hanno già una malattia. Questo è il principale motore di soddisfazione per la vaccinazione. Ma vediamo anche che le persone che non sono ancora vaccinate, sono molto riluttanti a farsi vaccinare in futuro".

Euronews: Statisticamente, che tipo di persona è quella che rifiuta il vaccino in termini di età, sesso, istruzione, livello di reddito?

Desmet: Vediamo alcune sottili differenze tra questi diversi gruppi. La differenza più grande ha più a che fare con l'atteggiamento riguardo alla vaccinazione. Vediamo un modello specifico: le persone che esitano di più a vaccinarsi, sono molto scettiche sui principali media. I media tradizionali e sembrano trovare le loro notizie principalmente sui social media. E così cercano Eo trovano informazioni che rendono ancora più forte la loro convinzione. E la loro convinzione è principalmente che la vaccinazione sia effettivamente pericolosa e abbia effettivamente dei rischi per la salute a causa degli effetti collaterali".

Euronews: "Diversi governi in Europa hanno recentemente intensificato la pressione sui non vaccinati. Fino a che punto queste persone possono essere convinte o spronate a farsi vaccinare?"

Desmet: Penso che sia una buona idea perché non saremo in grado di convincerli sulla base di argomenti teorici. Quindi, non saremo in grado di dire loro che il vaccino in realtà non è pericoloso. Non lo accetteranno mai. Hanno già una convinzione e non saremo in grado di convincerli in questo modo. Quindi, bisogna trovare un altro modo. Penso che da un punto di vista accademico e anche dai risultati del nostro studio questi problemi pratici probabilmente funzioneranno meglio. Bisogna rendere molto difficile il fatto di non essere vaccinati. È per esempio quello che vediamo in Francia, dove non puoi nemmeno bere una tazza di caffè in un bar senza essere vaccinato. È un fatto molto dirompente per la tua vita normale. E ne abbiamo subito visto gli effetti. Molte persone hanno detto: ok, allora farò la vaccinazione perché altrimenti la mia vita sarà troppo complicata. Non posso viaggiare, non posso andare al ristorante. Non riesco nemmeno a bere una tazza di caffè in un bar.

Questo è il modo per convincerli. Bisogna spingerli verso la decisione giusta. E funzionerà molto meglio, credo, che cercare di convincerli che le argomentazioni sul contenuto".

Euronews: Il presidente degli Stati Uniti Biden ora parla di Covid come della "pandemia dei non vaccinati", suggerendo che solo questi si ammaleranno e moriranno. Cosa ne pensa di questo?

Desmet: "Posso capirlo in parte. Anche quando sei vaccinato, hai ancora la possibilità di ammalarti. Puoi anche avere una possibilità seppure infinitesimale di morire di questa malattia. Quindi non è soltanto un problema dei non vaccinati. Non sono proprio d'accordo.

E inoltre, non tiene conto del fatto che forse nel mondo occidentale. Molte persone sono già vaccinate, ma nei paesi poveri e nei paesi più poveri solo l'uno per cento della popolazione è stato completamente vaccinato. E ci sono anche persone che vogliono ottenere il vaccino, potrebbero non averne accesso. Quindi, penso che sia un argomento un po' troppo bianco e nero per dire. Questo è ora un problema dei non vaccinati".

La campagna vaccinale non è l'unico argomento in Europa che quest'estate suscita emozioni. Un altro è il meteo.

Dopo le devastanti inondazioni in Germania e Belgio di due settimane fa, ora è stata la regione intorno al Lago di Como, nel nord Italia, a subire piogge torrenziali e una grandinata, che hanno causato gravi inondazioni e frane.

Allo stesso tempo, i vigili del fuoco in Grecia, Turchia e in Sardegna stavano combattendo per tenere sotto controllo le enormi fiamme. Le autorità greche hanno evacuato diverse aree a nord di Atene mentre un incendio ha spazzato via una foresta collinare, danneggiando gravemente le case e bruciando le auto. I vigili del fuoco rimangono in allerta in diverse parti della Grecia con un'ondata di caldo con temperature che dovrebbero raggiungere i 43 gradi Celsius.