ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Macron ha denunciato il creatore di un cartellone che lo paragona a Hitler

Access to the comments Commenti
Di Euronews Agenzie:  AFP
un cartello raffigurante il presidente francese Emmanuel Macron nei panni di Adolf Hitler durante una protesta del 2018 contro una proposta di riforma universitaria
un cartello raffigurante il presidente francese Emmanuel Macron nei panni di Adolf Hitler durante una protesta del 2018 contro una proposta di riforma universitaria   -   Diritti d'autore  THOMAS SAMSON/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Il presidente francese Emmanuel Macron ha fatto causa al proprietario di un cartellone pubblicitario che lo raffigurava con le sembianze di Adolf Hitler, per protestare contro green pass e restrizioni anti-Covid.

Michel-Ange Flori, proprietario di circa 400 cartelloni nel dipartimento meridionaledel Var, ha commentato la vicenda con un post su Twitter: "Ho appena appreso che domani sarò ascoltato alla questura di Tolone a seguito di una denuncia del presidente della Repubblica", ha scritto.

"Quindi a Macronia puoi farti beffe del profeta, e questa è satira, ma far sembrare il presidente un dittatore è una bestemmia", ha aggiunto.

La locandina incriminata ritrae Macron in divisa da leader nazista e con i baffetti, una ciocca sulla fronte e l'acronimo del movimento presidenziale LREM trasformato in una svastica. Un messaggio recita: "Obbedisci, fatti vaccinare".

L'immagine è apparsa nei giorni scorsi su due cartelloni di quattro metri per tre situati su una strada a quattro corsie vicino all'ingresso di Tolone.

Martedì la procura di Tolone ha aperto un'inchiesta per "offesa pubblica".

Il reato di "oltraggio al presidente della Repubblica" è stato abrogato nel 2013 dopo una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo che condannava la Francia, ma il capo dello Stato è protetto dall'insulto e dalla diffamazione pubblica come qualsiasi cittadino comune, anche se i procedimenti giudiziari, a volte percepiti come un attacco alla libertà di espressione, sono rari.

Flori si è difeso dicendo: "Vedi Hitler, ma puoi vedere Stalin, oppure vedo Charlie Chaplin ne Il dittatore".

Per Flori, i manifesti mirano a mettere in discussione "questa democrazia in cui le decisioni vengono prese senza alcuna discussione in un consiglio sanitario", ha spiegato.

Non è la prima volta che i suoi cartelloni, che usa regolarmente per commentare questioni politiche o sociali, hanno attirato critiche o gli hanno causato problemi legali.

Come in Italia, anche in Francia gli oppositori alle restrizioni anti-Covid hanno paragonato il paese a una dittatura. Tra quanti protestano contro il pass sanitario - che attualmente in Francia è richiesto per visitare luoghi di svago e culturali, ma presto sarà esteso a bar, ristoranti e trasporti pubblici a lunga distanza - hanno indossato stelle gialle che ricordano quelle che i nazisti obbligavano ad indossare gli ebrei.

Il ministro per gli Affari europei Clément Beaune ha condannato la retorica, affermando: "Vorrei che ci fossero molte dittature come la Francia nel mondo".