Aggressione gazebo Lega: sette denunciati a Cagliari

La Digos ha già identificato un primo gruppo di antagonisti
La Digos ha già identificato un primo gruppo di antagonisti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 21 LUG - I poliziotti della Digos di Cagliari hanno identificato gli autori del raid, con aggressione e danneggiamento, ai danni del gazebo che la Lega aveva allestito ieri sera nella centralissima piazza Garibaldi per la raccolta firme sulla riforma della giustizia. Gli investigatori della Questura di Cagliari, coordinati dal dirigente Antonio Nicolli, hanno denunciato sette persone, sei uomini e una donna di età compresa tra i 20 e i 60 anni per danneggiamento, lesioni, violenza privata e attentato contro la libertà individuale della persona. I sette, che sono solo i primi denunciati, facevano parte del gruppo, circa una ventina di persone, di anarchici e antagonisti che ieri sera intorno alle 20 ha circondato il gazebo della Lega. I 20 dopo aver urlato attraverso dei megafoni il loro dissenso verso la campagna della Lega, si sono scagliati contro il gazebo, aggredendo i militanti, uno di loro ha riportato lievi escoriazioni, e poi hanno distrutto il gazebo stesso. Sul posto sono arrivati gli agenti della squadra volante e gli uomini della Digos. Gli specialisti della Sezione Antiterrorismo della Digos hanno avviato subito le indagini, acquisendo i diversi filmati amatoriali (girati dai numerosi cittadini testimoni del fatto) e quelli delle telecamere di sicurezza presenti nell'area. Le indagini proseguono per individuare tutte le altre persone coinvolte nel raid. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Commissione Ue, il possibile ritorno di Mario Draghi in Europa piace in Italia

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista