Vannini: giudici,imputati non fecero nulla per evitare morte

Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni della sentenza
Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni della sentenza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - L'intera famiglia Ciontoli scelse "di non fare alcunché che potesse essere utile a scongiurare la morte" di Marco Vannini. Lo scrivono i giudici della corte di Cassazione nelle motivazioni della sentenza con cui il 3 maggio scorso hanno confermato la condanna a 14 anni di carcere per Antonio Ciontoli, accusato di omicidio volontario con dono eventuale del ragazzo che la notte tra il 17 e il 18 maggio del 2015 venne ucciso con un colpo di pistola mentre si trovava a casa della fidanzata a Ladispoli, centro sul litorale romano. I giudici avevano ratificato anche la condanna a 9 anni e 4 mesi ai figli di Ciontoli , Martina e Federico e alla moglie Maria Pezzillo. Nei loro confronti l'accusa è di concorso anomalo in omicidio volontario. La Suprema corte afferma che gli imputati "accettarono" la morte di Vannini "all'esito di un infausto bilanciamento tra il bene della vita del giovane e l'obiettivo avuto di mira, ovvero evitare che emergesse la verità su quanto realmente accaduto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Parlamento europeo approva il divieto sui prodotti realizzati con lavoro forzato

Parigi: la polizia sgombera decine di migranti davanti all'Università Sorbona

Regno Unito, legge sui migranti: i richiedenti asilo saranno deportati in Ruanda