ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Grandi manovre NATO sul Mar Mero, dopo le schermaglie a largo di Crimea

Access to the comments Commenti
Di Antonio Michele Storto
euronews_icons_loading
Grandi manovre NATO sul Mar Mero, dopo le schermaglie a largo di Crimea
Diritti d'autore  AP/Russian Defense Ministry Press Service
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Ucraina e la NATO hanno lanciato una serie di esercitazioni sul Mar Nero che coinvolgeranno decine di navi da guerra,

L'iniziativa fa seguito all'incidente della scorsa settimana, quando un cacciatorpediniere britannico è stato invitato a invertire la rotta, al largo della Crimea, a suon di proiettili e bombe a frammentazione da quattro caccia bombardieri russi.

"Queste esercitazioni - ha dichiarato il comandante di Marina Oleksiy Neizhpapa - che uniranno cinque continenti, avverranno nella parte nord-occidentale del Mar Nero, in tre regioni dell'Ucraina. Sono orientate a mantenere la pace e la stabilità nella nostra regione".

Nel frattempo anche l'esercito russo mostra i muscoli, lanciando manovre a tappeto nel Mar Mediterraneo con i suoi aerei da guerra armati con missili ipersonici di ultima generazione,

Le esercitazioni russe si concentrano sul "combattimento con aerei, elicotteri e veicoli aerei senza pilota di un nemico fittizio".

Versioni contrastanti

In merito allo scontro della scorsa settimana Mosca ha dichiarato che una delle sue navi da guerra ha sparato colpi di avvertimento e un aereo da guerra ha lanciato bombe sul percorso del cacciatorpediniere britannico Defender mercoledì per costringerlo a uscire da una zona vicino alla penisola di Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014.

La Gran Bretagna ha negato questo resoconto, insistendo che la sua nave stava navigando in acque ucraine.

Le manovre di Sea Breeze 2021, che sono iniziate lunedì e dureranno due settimane, coinvolgeranno circa 30 navi da guerra e 40 aerei degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO e dell'Ucraina.

Il cacciatorpediniere statunitense Ross è arrivato nel porto ucraino di Odessa per le esercitazioni.

Il capitano della marina americana Kyle Gantt ha notato lunedì che il gran numero di partecipanti all'esercizio riflette un impegno condiviso per garantire il libero accesso alle acque internazionali.

Mosca ha criticato le esercitazioni, e il ministero della difesa russo ha detto che le avrebbe monitorate da vicino.