Povertà: in Toscana oltre 121mila sono finiti sotto soglia

Al centro del dibattito Oxfam-Rai su effetti economici Covid
Al centro del dibattito Oxfam-Rai su effetti economici Covid
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 16 GIU - Oltre 121mila persone nel 2020 in Toscana sono sotto la soglia di povertà, con un tasso di abbandono scolastico che ha colpito oltre uno studente su 10. Sono i dati al centro dell'evento online 'I care, mi sta a cuore', organizzato a Firenze, al Community center 'Metropolis' delLe Piagge, da Oxfam Italia e Rai per il Sociale e dedicato alla povertà educativa, all'aumento delle disuguaglianze e alle possibili soluzioni, dopo oltre un anno di pandemia. Con l'emergenza Covid tra il 7% e l'8% dei ragazzi vivono in povertà assoluta o relativa. Sono invece quasi 5.000 le persone a rischio esclusione sostenute da Oxfam, dall'inizio dell'emergenza. "La pandemia ha colpito tutti ma in modo disuguale - ha detto Roberto Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia - Chi era già in difficoltà ha subito le peggiori conseguenze, rimanendo indietro, senza mezzi per reagire a uno shock tanto grave". "Il progetto 'I Care' - ha affermato Giovanni Parapini, direttore di Rai per il Sociale - è una concreta testimonianza di come la Rai vuol dare rilievo, in modalità multipiattaforma, a tutte quelle iniziative che mettono al centro una reale lotta alle diseguaglianze fondata su più fatti e meno parole, su più concretezza e meno apparenza". L'assessore regionale all'istruzione Alessandra Nardini ha sottolineato che "la Regione ha fatto una scelta coraggiosa a gennaio scegliendo di riaprire le scuole, perché i ragazzi non restassero a indietro, allo stesso tempo investendo risorse importanti per dare gli strumenti ai ragazzi per seguire le lezioni a distanza". L'assessore al welfare del Comune di Firenze Sara Funaro ha evidenziato che "la pandemia ha tirato fuori in maniera molto violenta quella che è la fragilità della nostra comunità" e ha sottolineato tra i problemi quello "dell'abbandono scolastico, duplicato nel Comune di Firenze nell'anno della pandemia", ma anche "le bocciature a scuola da parte di ragazzi provenienti da contesti culturali stranieri e il disagio emotivo e psicologico dei nostri ragazzi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Commissione Ue, il possibile ritorno di Mario Draghi in Europa piace in Italia

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista