EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Keiko Fujimori è in testa nel ballottaggio presidenziale del Perù

 Keiko Fujimori è in testa nel ballottaggio presidenziale del Perù
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Giulia Avataneo
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il vantaggio della candidata conservatrice è risicato: appena lo 0,6% sul socialista Pedro Castillo

PUBBLICITÀ

In Perù come da pronostico il ballottaggio presidenziale più polarizzato della storia si è concretizzato in un testa a testa costante.

Alla fine i primi risultati ufficiali hanno visto la candidata conservatrice Keiko Fujimori, figlia dell'ex presidente incarcerato, in vantaggio di appena lo 0,6% - al suo terzo tentativo assumere il ruolo che era stato del padre.

Leggermente staccato il candidato socialista Pedro Castillo, alla sua prima candidatura.

Entrambi hanno promesso una campagna vaccinale a tappeto per riprendere il controllo di un'epidemia che in Perù ha provocato almeno 180 mila vittime. Una crisi diventata sociale, con milioni di persone precipitate nella povertà.

Paese in emergenza

La pandemia non solo ha fatto crollare le infrastrutture mediche e cimiteriali del Perù, ma ha lasciato un'eredità di milioni di disoccupati e scavato un solco incolmabile fra le disuguaglianze del paese. In questo quadro, è andata alle urne una popolazione stanca e sfiduciata anche dagli ultimi scandali, che hanno visto le persone con i contatti giusti passare in prima fila per una dose di vaccino.

Il presidente Francisco Sagasti ha chiesto il pieno rispetto dei risultati elettorali e l'astensione da ogni iniziativa di protesta per la parte che andrà all’opposizione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Perù, Fujimori denuncia brogli: "In ballo 500 mila voti"

La rabbia dei peruviani, che gridano al "golpe"

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi