Israele, Netanyahu attacca la nuova coalizione: "È pericolosa"

Israele, Netanyahu attacca la nuova coalizione: "È pericolosa"
Diritti d'autore AFP PHOTO / HO / RAAM
Di Euronews Agenzie:  Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Crescenti pressioni del premier uscente per far mancare al voto di fiducia

PUBBLICITÀ

Il premier Benyamin Netanyahu è andato subito all'attacco della nuova coalizione di governo tra il leader centrista Yair Lapid e quello di destra Naftali Bennett, annunciata ieri sera. Il premier ad interim ha rivolto un appello a tutti i deputati "eletti con i voti della destra" di opporsi alla coalizione definendola "di sinistra e pericolosa".

Netanyahu, che per la prima volta dovrà abbandonare il potere se la maggioranza sarà confermata dalla Knesset, ha anche accusato Lapid e Bennett di "aver svenduto il Negev a Raam", il partito arabo che fa parte dell'accordo di governo. Intanto la nuova maggioranza sta tentando di sostituire l'attuale presidente della Knesset Yariv Levin (Likud) in modo - è stato spiegato - di evitare ritardi nella convocazione dell'Aula che dovrà dare la fiducia al governo: servono almeno 61 voti.

Bennett ha convocato tutti i deputati del suo partito domani mattina. La riunione, a fronte delle crescenti pressioni della destra del premier Benyamin Netanyahu per far mancare al voto di fiducia qualcuno dei deputati di Yamina, si svolgerà nella residenze di Bennett a Raanana non lontano da Tel Aviv. Allo stato attuale il parlamentare della formazione di Bennett, Nir Orbach, ha preannunciato il suo voto contrario all'intenzione de Bennett e Lapid di sostituire l'attuale presidente della Knesset.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bennett a capo del governo in Israele dovrà guidare una fragile coalizione

Storico cambio della guardia in Israele: via Netanyahu, arriva Bennett (e poi toccherà a Lapid)

Israele, finisce l'era di Netanyahu: il Parlamento vota il governo di coalizione