ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Verso la fine del Ramadan: scontri a Gerusalemme tra fedeli palestinesi e forze israeliane

euronews_icons_loading
Scontri tra le forze di sicurezza israeliane e i manifestanti palestinesi, nel complesso della moschea al-Aqsa a Gerusalemme
Scontri tra le forze di sicurezza israeliane e i manifestanti palestinesi, nel complesso della moschea al-Aqsa a Gerusalemme   -   Diritti d'autore  Ahmad GHARABLI / AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Scontri e violenze nell'ultimo venerdì del mese sacro del Ramadan, a Gerusalemme. Le forze di occupazione israeliane si sono scontrate con i fedeli palestinesi nella moschea Al-Aqsa, dopo una settimana di tensione nella Città Santa e nella Cisgiordania occupata.

I palestinesi hanno lanciato pietre, bottiglie e fumogeni contro la polizia, che ha risposto con proiettili di gomma e granate stordenti. Almeno 14 civili e 6 poliziotti sono rimasti feriti. Il ministro degli esteri palestinese, Riad Malki, parlando da Ankara dove ha incontrato il suo omologo Mevlut Cavusoglu, si è schierato dalla parte dei fedeli.

Membri delle Forze di Mobilitazione Popolare, gruppo paramilitare sciita filo-iraniano, hanno sfilato per le strade di Kirkuk, nel nord dell'Iraq, in occasione della Giornata Mondiale di al-Quds, che si celebra appunto l'ultimo venerdÌ del Ramadan. Venne istituita nel 1979 dall'Ayatollah Khomeini ed è un evento annuale di protesta contro il controllo israeliano di Gerusalemme.

Anche in Yemen, migliaia di persone si sono radunate nella capitale Sanaa per lo stesso motivo. I manifestanti hanno condannato i Paesi arabi, che hanno recentemente stabilito legami diplomatici con Israele. L'anno scorso, infatti, Sudan, Emirati Arabi Uniti, Bahrain e Marocco hanno firmato accordi con Tel Aviv.

In Pakistan questo mese di Ramadan non è stato come gli altri. A causa della furia del Covid nella vicina India, le autorità locali hanno inasprito le restrizioni e vietato i viaggi per la prossima festa dell'Eid, che segna la fine del mese sacro.