ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Percepisce reddito cittadinanza ma ha barca da diporto 12 m

Imbarcazione non denunciata al fisco. Denunciata da Gdf
Imbarcazione non denunciata al fisco. Denunciata da Gdf
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ANCONA, 06 MAG – Nell’ambito dei controlli per
accertare l’avvenuta comunicazione al fisco del valore delle
unità da diporto immatricolate all’estero, i militari della
Guardia di Finanza del Reparto Operativo Aeronavale di Ancona
hanno individuato una cittadina italiana residente
nell’Anconetano proprietaria di una barca a vela, che oltre a
non segnalarla al fisco, ha indebitamente percepito il reddito
di cittadinanza per 23 mesi, presentando per ben due volte la
richiesta del sussidio, dichiarando di possedere i requisiti
previsti per l’erogazione.. Nel corso dell’ordinaria attività di
controllo svolta nel porto di Marina Dorica, i finanzieri della
Stazione Navale di Ancona hanno individuato l’imbarcazione
battente bandiera belga, ma di proprietà di un’italiana. Il
controllo eseguito con l’ausilio delle banche dati in uso al
Corpo, ha consentito di riscontrare la mancata presentazione,
fin dal 2017, delle dichiarazioni dei redditi con il relativo
quadro RW attestanti il possesso dell’imbarcazione, un bene
estero del valore di euro 38mila. Alla donna sono state
contestate le violazioni amministrative per l’omessa
dichiarazione
dei redditi con le relative sanzioni. E’ risultato inoltre che
percepiva il reddito di cittadinanza, avendo omesso di essere
proprietaria della barca, il cui possesso esclude
automaticamente dal beneficio. In questo modo aveva percepito
indebitamente oltre 16mila euro. E’ stata segnalata alla Procura
della Repubblica di Ancona per aver indebitamente percepito
erogazioni a danno dello Stato, reato che prevede fino a 6 anni
di reclusione, e
all’Inps per il blocco dell’erogazione ed il contestuale
recupero della somma incassata. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.