ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Frodi su carburanti: "miniera d'oro" fra Campania e Puglia

De Raho, "evoluzione dei gruppi criminali"
De Raho, "evoluzione dei gruppi criminali"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – POTENZA, 12 APR – Una “vera e propria miniera di oro
nero” sull’asse Campania-Puglia, con “rilevantissimi profitti”
per i clan – quello dei casalesi e quello dei tarantini – che
hanno raggiunto i 30 milioni all’anno: sono due degli aspetti
principali dell’inchiesta su frodi nel commercio dei carburanti
delle direzioni distrettuali antimafia di Potenza e Lecce che,
stamani, hanno portato in carcere 26 persone, undici ai
domiciliari, oltre alla notifica di sei divieti di dimora. Prima conclusione raggiunta: la criminalità organizzata si
finanzia “se non in via esclusiva, in via assolutamente
prevalente”, col traffico di droga e il contrabbando, “in
proporzioni gigantesche, cui mai si era arrivati nel passato”. Nel corso della conferenza stampa sull’operazione “La febbre
dell’oro nero”, che si è tenuta nel Palazzo di giustizia del
capoluogo lucano, il procuratore nazionale antimafia, Federico
Cafiero De Raho, in videocollegamento, ha evidenziato che
“l’infiltrazione mafiosa nel settore della commercializzazione
degli idrocarburi è uno degli aspetti più significativi
dell’evoluzione dei gruppi criminali”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.