EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Covid: ordinanza Spirlì, garantire Did in scuole superiori

Raccomandazione presidente ff Calabria. Recepito atto Speranza
Raccomandazione presidente ff Calabria. Recepito atto Speranza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANZARO, 24 APR - Il presidente ff della Regione Calabria Nino Spirlì ha firmato oggi l'ordinanza n. 28 che recepisce il provvedimento dello scorso 23 aprile con il quale il ministro della Salute Roberto Speranza, nell'ambito delle misure per la prevenzione e la gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, ha disposto che, da lunedì 26 aprile, continuino ad applicarsi, in tutto il territorio regionale, le misure della "zona arancione". L'ordinanza introduce anche misure per la didattica delle scuole di ogni ordine e grado, in applicazione dell'articolo 3 del decreto legge 22 aprile 2021 n.52, "disposizioni urgenti per le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado e per l'istruzione superiore". "In particolare - è scritto nell'ordinanza -, fino alla conclusione dell'anno scolastico 2020-2021, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado statali e paritarie e le scuole di istruzione e formazione professionale limitano la didattica in presenza a non più del 70% della rispettiva popolazione studentesca, nel rispetto di tutte le misure di prevenzione vigenti; la restante parte della popolazione studentesca si avvarrà della didattica a distanza, fatte salve le deroghe circa l'attività in presenza, già individuate nelle specifiche ordinanze emergenziali e nelle disposizioni nazionali vigenti". Nel provvedimento si ribadisce la raccomandazione, per le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado "di garantire e rendere pienamente fruibile la didattica integrata online, in modalità sincrona per la restante parte degli studenti non presenti in aula; di favorire la didattica digitale integrata per tutti gli studenti le cui famiglie ne facciano esplicita richiesta con modalità specificamente definite, nell'ottica di una migliore gestione della ripresa della didattica in presenza". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: tensione tra Israele e Hezbollah, Cuba si unisce alla causa del Sudafrica

Enrico Letta potrebbe essere l'asso nella manica di Macron nel gioco dei vertici dell'Ue contro l'estrema destra

Svizzera: in carcere per sfruttamento i membri della famiglia miliardaria Hinduja