This content is not available in your region

Covid: in Alto Adige un quarto dei sanitari non vaccinati

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Azienda sanitaria assegna appuntamento e minaccia sospensione
Azienda sanitaria assegna appuntamento e minaccia sospensione

(ANSA) – BOLZANO, 29 APR – In Alto Adige, dove il movimento
no vax è ben radicato, un operatore sanitario su quattro non si
è ancora sottoposto alla vaccinazione anti covid. Sono infatti
oltre 5.700 i sanitari nelle strutture pubbliche e private
ancora non immunizzati. L’Azienda sanitaria in questi giorni sta
invitando gli “scettici” a sottoporsi alla vaccinazione e
assegna appuntamenti e contemporaneamente minaccia le prime
sospensioni da metà maggio. Per evitare che dosi di vaccino a
fine giornata debbano essere buttati, viene rafforzata la
cosiddetta lista jolly. Nel frattempo i centri per i test nasali gratuiti registrano
un vero e proprio assalto. A Bolzano in tutte le postazioni gli
appuntamenti sono esauriti fino alla prossima settimana. Un
tampone negativo è infatti condizione per ricevere il
Corona-Pass che dà accesso ai locali interni dei ristoranti e
bar. Ricevono il “lasciapassare” anche i guariti e chi ha
concluso il ciclo vaccinale. Chi dovesse falsificare il Corona-Pass, un codice Qr che fa
apparire una spuntina verde con il nome del testato, rischia
grosso ovvero un procedimento penale per falsificazione di
documenti e forse addirittura per causato rischio alla salute
pubblica, mette in guardia sul Dolomiten il direttore dell’Eurac
Stephan Ortner. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.