EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Covid: Appendino, oggi una ripartenza che guarda al futuro

Sindaca, facciamo il massimo per renderla definitiva
Sindaca, facciamo il massimo per renderla definitiva
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 26 APR - "Certo, c'è ancora molta strada da fare per il ritorno a una vera normalità. Quella fatta di contatti, abbracci, spazi e tempi vissuti senza limitazioni. E il pensiero va a chi ancora non riapre. Tuttavia mi piace pensare che questa ripartenza non sia come le altre ma guardi al futuro con una prospettiva che fino ad oggi non avevamo mai avuto, ovvero quella di un piano vaccinale che sta andando avanti, che vede ancora una volta il personale medico in prima linea e che deve accelerare il più possibile". Così la sindaca di Torino, Chiara Appendino, in un post Facebook dedicato alla zona gialla in cui da oggi si trova il Piemonte, con le conseguenti riaperture. "La stragrande maggioranza degli italiani ha dato il massimo in questa pandemia, dimostrando buon senso e rispetto delle regole - osserva Appendino -. Sono certa che sarà ancora così finché sarà necessario. Via via sempre meno". La sindaca ringrazia, dunque, "tutti coloro che con il loro impegno, qualunque esso sia stato, hanno contribuito a questo piccolo grande passo avanti. Per parte nostra - conclude -, come stato fino ad oggi, ci sarà il massimo impegno per fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità al fine di rendere questa ripartenza più forte possibile". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi

Israele: attacco con droni su Tel Aviv rivendicato dagli Houthi, un morto

Trump accetta la nomination repubblicana: il racconto dell'attentato e i rapporti con Orbán e Russia