ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Studio, un terzo dei genitori si sente solo

The Parenting Index (Nestlé), su 8000 coppie in 16 Paesi diversi
The Parenting Index (Nestlé), su 8000 coppie in 16 Paesi diversi
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 25 FEB – Un terzo dei genitori si sente
solo nonostante viva in un mondo iperconnesso. Lo dice The
Parenting Index, il nuovo studio commissionato da Nestlé per
comprendere e supportare i neogenitori nel loro ruolo, in un
mondo che cambia di continuo. Lo studio è basato sulle opinioni
di oltre 8.000 mamme e papà di bambini di età compresa tra 0 e
12 mesi che vivono in 16 Paesi diversi. In questa prima edizione
emerge che il fattore universale più significativo
nell’influenzare l’esperienza genitoriale è la pressione. Una
variabile su cui i neo genitori hanno poco controllo, ma che ha
l’impatto maggiore: contribuisce infatti al 23% del punteggio
complessivo dell’Index. All’interno del fattore pressione si trovano ad esempio: il
social shaming, la metà (51%) dei genitori intervistati sente
un’intensa pressione sociale su come crescere i propri figli e
questo, oggi, proviene dai social media; il senso di colpa, il
45% degli intervistati è d’accordo sul fatto che i neo genitori
si trovano a provare senso di colpa e che questo può avere un
impatto anche duraturo; i consigli non richiesti (“la voce del
villaggio”), il 60% sente che tutti hanno un’opinione su come
crescere il loro bambino. “Abbiamo sviluppato la Nestlé
Parenting Initiative per aiutare a rendere più facile la vita
dei genitori, in modo da poterli supportare meglio nelle
decisioni che prendono durante i primi, cruciali, 1.000 giorni
della vita del loro bambino – ha commentato Thierry Philardeau,
Head of Nestlé Nutrition Strategic Business Unit -. E così
facendo, rafforziamo il nostro impegno del 2016 ad aiutare 50
milioni di bambini a condurre una vita più sana e più felice
entro il 2030″. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.