Prima bozza Dpcm, stop a ristoranti-bar dopo le 18

Testo in via definizione. Consentito delivery e asporto fino a 2
Testo in via definizione. Consentito delivery e asporto fino a 2
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) – ROMA, 24 OTT – “A decorrere dal 26 ottobre 2020, le
attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub,
ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono sospese la domenica e i
giorni festivi; negli altri giorni sono consentite dalle ore
5.00 fino alle 18.00.” E’ quanto prevede una prima bozza del
Dpcm a cui sta lavorando in queste ore il governo. Si tratta di
una bozza in via di definizione e fonti dell’esecutivo precisano
che, in vista di quella finale, le misure potrebbero cambiare.
Nella bozza di prevede che dopo le 18 è vietato il consumo di
cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico mentre è
consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto
delle norme igienico-sanitaria. E’ consentita fino alle ore
24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione
sul posto o nelle adiacenze. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Un vuoto da colmare": il premier del Kosovo chiede supporto alla Nato per la sicurezza nel paese

Attacco terroristico ad Ankara: un kamikaze si fa esplodere vicino al ministero dell'Interno

Mosca accusa Kiev di aver condotto un attacco di droni in un villaggio russo al confine