EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ucciso davanti scuola, 7 ergastoli

Coinvolti proprietari area, dipendenti comunali e titolari club
Coinvolti proprietari area, dipendenti comunali e titolari club
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 08 SET - Sette ergastoli e una condanna a 14 anni di reclusione: si è chiuso così il processo, con rito abbreviato, sull'omicidio di Luigi Mignano avvenuto il 9 aprile del 2019 dinanzi ad una scuola per l'infanzia di San Giovanni a Teduccio, quartiere alla periferia est di Napoli. Le condanne riguardano esponenti del clan D'Amico (gruppo dei Mazzarella) che con quel delitto vollero colpire i rivali Rinaldi: Mignano era il cognato del ras, detenuto, Ciro Rinaldi, detto 'mauè'. Carcere a vita per il ras Umberto Luongo (braccio destro di Umberto D'Amico e promosso a referente del clan nel comune di San Giorgio a Cremano), Ciro Rosario Terracciano, Salvatore Autiero, Pasquale Ariosto, Gennaro Improta, Giovanni Salomone e Giovanni Musella. Inflitti, invece, 14 anni al boss Umberto D'Amico al quale sono state riconosciute le attenuanti previste per i collaboratori di giustizia. Mignano fu ucciso mentre stava accompagnando in auto a scuola il nipotino di 3 anni: i killer sapevano che c'era anche il bambino, ciononostante continuarono a sparare. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Euro 2024, l'Italia non passa con la Spagna: 1-0 per le Furie Rosse

Donald Sutherland è morto. L'Oscar alla carriera e attore di Quella sporca dozzina aveva 88 anni

A Shepetivka, in Ucraina, il doposcuola tra armi e addestramento militare